Oggi è il Meat-out Day

Giornata internazionale senza carne per una dieta più salutare e meno violenta

20 marzo 2003
Il Meatout è stato lanciato negli USA nel 1985 da consumatori e attivisti per i diritti degli animali allo scopo di offrire un giorno d'informazione e sensibilizzazione sui vantaggi di un'equilibrata dieta vegetariana e sulla necessità di un'adeguata educazione alimentare.

Dal semplicissimo esordio ad oggi, la giornata senza carne è giunta a contemplare 2000 eventi (dai tavolini informativi alla partecipazione ad importanti programmi televisivi) in cui si chiede di rinunciare almeno per il 20 marzo (inizio della primavera) all'abitudine di mangiare carne ed esplorare così una dieta più salutare e meno violenta.

Tra i personaggi pubblici che da anni sono testimonial del Meatout americano è sufficiente ricordare il popolare attore Peter Falk (Tenente Colombo) e il celeberrimo economista Jeremy Rifkin, che recentemente proprio nel nostro Paese ha dichiarato che il futuro sarà vegetariano.

Il cambio di abitudini alimentari ridurrebbe il rischio di malattie cardiache, infarto, tumore ed altre affezioni degenerative, abbasserebbe il rischio di contrarre alcune malattie infettive, aiuterebbe a conservare i terreni agricoli, l'acqua ed altre fonti di produzione di cibo indispensabili per la sopravvivenza delle prossime generazioni, renderebbe i cereali che ora vengono utilizzati per nutrire gli animali "da carne" e "da latte" disponibili per chi nel mondo soffre la fame, aiuterebbe a conservare le foreste, i prati e altri ambienti naturali e diminuirebbe l'inquinamento delle acque causato da fertilizzanti e pesticidi, risparmierebbe a tanti animali innocenti (35 l'anno e 2700 a testa nel corso di una vita umana di lunghezza media) il destino di essere imprigionati ed ammassati in gabbie, privati di tutto, mutilati, manipolati, trasportati e infine macellati senza (o con insufficiente) considerazione per la loro capacità di provare dolore e sofferenza.

"Le campagne d'informazione sulle scelte vegetariane e le pubblicazioni che dimostrano la semplicità e la convenienza di un'alimentazione senza carne" dichiara Alessandro Janovitz, portavoce di Società Vegetariana, "conducono molti giovani verso una dieta meno violenta e più salutare, sostenuta anche di numerosi prodotti alternativi reperibili sul mercato."

In Italia la campagna di educazione alimentare "meatout-day" è nata, grazie anche a numerose associazioni di consumatori, per sensibilizzare l'opinione pubblica in merito alle conseguenze derivanti da un sempre più crescente abuso di carne nella nostra alimentazione.
Da quest'anno Società Vegetariana, in collaborazione con l'associazione americana FARM, ha portato il meatout anche in Italia.

In questa giornata verranno organizzati banchetti informativi in diverse città grazie anche all'appoggio di numerosi medici e nutrizionisti.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 marzo 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia