Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Oggi si aprono le scatole nere dell'Atr 72 della Tuninter, ammarato tragicamente al largo di Palermo

La principale fonte di dati oggettivi per la ricostruzione della dinamica e delle cause dell'incidente

10 settembre 2005

L'appuntamento è per oggi, sabato 10 settembre, a Roma, nella sede dell'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv), dove saranno aperte le due scatole nere dell'Atr 72 della compagnia tunisina Tuninter, tragicamente ammarato lo scorso 6 agosto al largo di Palermo: in pratica il registratore dei suoni in cabina di pilotaggio e quello dei parametri di volo, che costituisce una delle principali fonti di dati oggettivi per la ricostruzione della dinamica e delle cause dell'incidente.
All'apertura saranno presenti i periti di accusa, difesa e delle parti offese.

Si prevede che occorreranno almeno due giorni per decodificarne il contenuto. Dopo di che si avranno riscontri certi alle ipotesi sulle cause della sciagura aerea. Compresa quella che punta il dito alla mancanza di carburante determinata dalla sostituzione dell'indicatore di gasolio del velivolo con un altro di un aereo più piccolo, l'Atr 42, che ha ''sballato'' la rilevazione del carburante a bordo, ingannando il pilota e il suo secondo.
Solo dopo l'esame delle scatole nere e la definizione più chiara dello scenario, si porrà il problema della competenza territoriale sollevata dalla procura di Bari: ''Noi andiamo avanti - taglia corto il procuratore di Palermo, Pietro Grasso - poi vedremo dove si farà il processo''.

Nel frattempo la procura ha avviato la rogatoria internazionale in Tunisia con l'obiettivo di conoscere i nomi di almeno tre persone: il meccanico dell'aeroporto di Tunisi che il giorno precedente alla tragedia montò sull'Atr 72 un indicatore di carburante costruito per il suo 'gemello' più piccolo; l'altro è il funzionario dell'aeroporto tunisino che avrebbe dovuto controllare il lavoro del meccanico; infine, il dirigente della Tuninter responsabile della manutenzione dei voli.
Per loro si profila l'iscrizione nel registro degli indagati. Ma accertamenti saranno fatti anche sui progettisti dell'Atr per quella ''compatibilità'' tra gli indicatori di carburante di due modelli diversi.

Fonte: La Sicilia

- Senza carburante (Guidasicilia.it)

- Vietato il cielo italiano alla Tuninter (Guidasicilia.it)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

10 settembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia