Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Orlando fa il bilancio di sei mesi: "Abbiamo rimesso in moto la città"

26 novembre 2012

"Abbiamo rimesso in moto Palermo e riacceso la speranza in una città che sembrava disperata e destinata al fallimento non solo etico, ma finanziario". Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, incontrando i giornalisti a Villa Niscemi, insieme alla sua Giunta per presentare un bilancio dei primi sei mesi di attività.
"Abbiamo evitato il dissesto - ha aggiunto - rimesso in moto la città, prestando attenzione al mondo della scuola, che era stato abbandonato, dei giovani, delle famiglie e dei senza casa. Siamo convinti che il modo migliore per affrontare le emergenze sia un progetto". Per il primo cittadino "i problemi sono enormi, ma se siamo ancora qui e non siamo ancora falliti vuol dire che ce la possiamo fare. Abbiamo bisogno di tempo per tornare ad essere quello che eravamo dieci anni fa".
"Abbiamo ereditato - ha proseguito Orlando - una città sull'orlo del dissesto, con un pareggio di bilancio solo virtuale e tante emergenze da affrontare: dalla sospensione a partire dal 2009 della manutenzione nelle scuole, alle grandi opere bloccate, dal piano regolatore scaduto da anni agli spazi culturali chiusi e a quelli sportivi abbandonati. E ancora i parchi in condizioni drammatiche e 13mila famiglie in attesa dell'integrazione all'affitto".

Poi c'è il capitolo Teatro Massimo un "festival dell'illegalità con un mangement illegittimo nei comportamenti" e ancora la Fiera del Mediterraneo, per cui "abbiamo un grande progetto - ha assicurato Orlando - di rilancio per farne un centro congressi da 3mila posti, uno spazio preposto al mercato agrolaimentare, dell'artigianato e dell'innovazione e un'area destinata ad incubatore d'impresa".
Altro fronte caldo è quello della discarica di Bellolampo. "Speriamo che i lavori di completamento della sesta vasca - ha detto - siano completati entro aprile, il termine della proroga concesso dal precedente governo regionale. Il neo presidente della Regione, Rosario Crocetta, ci ha assicurato che prorogherà questa scadenza, ma speriamo che la protezione civile completi i lavori prima".

Nei primi sei mesi di sindacatura, ha spiegato nel corso della conferenza stampa, sono stati effettuati a Palermo 400 interventi di manutenzione ordinaria, di cui 200 solo nelle scuole. Duecentosettanta milioni, invece, sono stati impegati per il verde, le strade, le fognature e gli istituti scolastici.
"Abbiamo costruito - ha detto ancora il sindaco - il Polo manutentivo e di pronto intervento, deliberato il percorso per il Put (Piano urbano del traffico) ed inviato al Consiglio comunale le direttive per il nuovo Prg". "A Natale - ha concluso il primo cittadino - riapriremo lo Spasimo, abbiamo ottenuto il dissequestro dalla Procura e potremo completare i lavori. Abbiamo, inoltre, costruito l'Autorithy per il turismo, attivato i dormitori per gli immigrati e presto saranno creati i nidi di circoscrizione". [Fonte: Repubblica/Palermo.it, 22 novembre 2012]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 novembre 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia