Ospedali pericolosi: la "guida per i pazienti" ritirata in tempo

La retromarcia dell'assessorato alla Salute sul "manuale di sopravvivenza" redatto per i pazienti

13 novembre 2013

Polemica sulla "guida per i pazienti" dell'assessorato alla Salute
Un vademecum che sembra un vero e proprio manuale di sopravvivenza
di
Giusi Spica (Repubblica/Palermo.it, 05 novembre 2013)

Nella "guida per i ricoverati" la Regione descrive gli ospedali come trincee dove i pazienti sono costretti a lunghe attese in "ambienti disagevoli e affollati" per fare turni segnati su "pizzini" e col rischio di cadere dalle barelle su cui sono sistemati in mancanza di posti letto. Ma - sorpresa - a dieci giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, l'assessorato alla Salute ci ripensa: "Passaggi infelici. Li modificheremo", assicurano da piazza Ottavio Ziino. Intanto il libretto, pubblicato il 25 ottobre e inviato ad Asp e ospedali, ha già suscitato l'insurrezione degli infermieri: "Offensivo e mortificante".

Il decreto dell'assessorato alla Salute è stato elaborato dal Comitato etico regionale nominato da piazza Ziino. Lo scopo è fornire al cittadino indicazioni su come far valere i suoi diritti in corsia. Ma più che una guida sembra un vero e proprio manuale di sopravvivenza per chi si trova a varcare le soglie di un ospedale. Uno dei passaggi salienti riguarda i pronto soccorso: "L'ingresso in reparto è preceduto dalle attese per il ricovero. Sono attese che si svolgono in ambienti disagevoli e affollati dove i pazienti aspettano anche per ore un turno segnato su inaffidabili elenchi cartacei e dove hanno difficoltà nell'identificare il personale cui chiedere informazioni".
E i guai non finiscono qui: "Se il reparto fosse affollato, il suo ricovero non potesse essere differito e lei dovesse essere provvisoriamente ricoverato in barella, chieda che il passaggio sia quanto più sollecito è possibile, che la barella sia relativamente comoda (larghezza, spessore del materassino) e che sia particolarmente curata l'attenzione per evitare cadute". La frase più contestata riguarda le mansioni degli infermieri, cui il paziente può rivolgersi anche "per essere accompagnato in bagno o eventualmente provvedere alla sua pulizia se, come accade, il numero di operatori sociosanitari in servizio in reparto sia insufficiente". Davvero troppo per gli infermieri che hanno chiesto, attraverso l'Ordine professionale e il sindacato Nursind, il ritiro del documento destinato a finire su brochure e manifesti da distribuire ai pazienti.

A distanza di dieci giorni dalla sua pubblicazione, l'assessorato alla Salute annuncia la modifica dei passaggi più "preoccupanti" e specifica che, in questa prima fase, sarà sottoposto un questionario ai pazienti per verificare il grado di apprezzamento per la guida e le informazioni in essa contenute. "Sono apprezzati i contributi - continua l'assessore Lucia Borsellino - come quelli fatti pervenire dal Collegio degli infermieri successivamente all'approvazione del documento che, è bene ricordarlo, è stato elaborato anche con una rappresentanza degli stessi. In tal senso il Comitato è già al lavoro per migliorare alcune definizioni e al contempo superare ogni motivo di preoccupazione da parte della categoria degli infermieri".
Poi difende gli ospedali che nella guida sono dipinti a tinte fosche: "Non è vero che sono insicuri. Questa affermazione non rende giustizia al buon lavoro fatto dal Comitato regionale di Bioetica e a quello che quotidianamente svolgono migliaia di operatori. La guida ricorda agli operatori e alle direzioni che hanno la responsabilità di operare per il benessere organizzativo, che una buona accoglienza è parte della cura e contribuisce al suo successo perché aumenta l'aderenza alle prescrizioni mediche. Allo stesso modo invita i cittadini a non avere remore a chiedere informazioni e chiarimenti, a controllare che le informazioni pervenute in reparto siano corrette e complete, a portare la documentazione clinica".

Anche il professore Luigi Pagliaro, componente del Comitato etico che ha scritto la guida, interviene per difendere il lavoro: "Il nostro compito - spiega - è anche quello di denunciare i disagi e far capire al pazienti quali sono i suoi diritti in questi casi. La guida, peraltro, non si riferiva nello specifico agli ospedali siciliani, ma è frutto dell'analisi di tutti i possibili disagi raccontati anche in letteratura".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 novembre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia