Palermo è la seconda città più cara d'Italia. A ottobre più 2,6 %, mezzo punto oltre la media nazionale

19 novembre 2007

Palermo è risultata la seconda città più cara d'Italia. A superare il Capoluogo siciliano solo Campobasso: a Palermo l'inflazione, a ottobre, è aumentata del 2,6 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, mentre l'indice nazionale dei prezzi al consumo si è attestato sul 2,1 per cento.
Costano di più i prodotti alimentari, in salita del 3,7 per cento, la casa, l'acqua e l'energia elettrica, in crescita del 7,3 per cento, ma soprattutto la benzina, che nell'ultimo anno è aumentata del 6,9 per cento.

Il Comune ha perciò lanciato un'altra iniziativa - in tutto quattordici quelle varate dall'amministrazione Cammarata dal 2003 a oggi - per combattere il carovita.
Questa volta a scendere in campo sono stati i grossisti del mercato ortofrutticolo, che negli ultimi mesi hanno visto calare gli incassi del 30 per cento e che hanno invitato i cittadini a fare la spesa al mercato di via Montepellegrino, da anni aperto al pubblico dalle 9 alle 11. Inoltre, da qualche giorno, con la campagna ''Sabato al mercato'', lo ''Scaro'' offre confezioni di frutta e verdura familiari da due o tre chili, più piccole di quelle destinate ai punti vendita. ''Speriamo così di esercitare una funzione di calmiere dei prezzi - ha spiegato l'assessore ai Mercati, Francesco Mineo - e dare un'opportunità concreta alle famiglie che hanno visto abbassare il loro potere d'acquisto''.

I consumatori dovrebbero risparmiare almeno sul ricarico, in media del 30 per cento, che effettuano i dettaglianti. ''A patto che tutti osservino e non superino i prezzi rilevati giornalmente al mercato, i cosiddetti mercuriali - ha sottolineato Lillo Vizzini, presidente regionale di Federconsumatori - ecco perché assieme all'Adiconsum abbiamo proposto un monitoraggio costante dei prezzi''.
Da questa settimana i commissionari del mercato ortofrutticolo faranno una rilevazione per ciascun prodotto e ne indicheranno le quantità minime di ogni confezione. Il ''borsino dei prezzi'' sarà esteso anche ai mercati rionali, storici e alla grande distribuzione. E dalla prossima settimana i prezzi saranno diffusi, attraverso gli organi d'informazione, ai cittadini. In vista del Natale, poi, sarà elaborato un paniere di quindici prodotti scontati.

Non si è rivelata un successo, invece, la precedente iniziativa del Comune contro il carovita: ''Palermo a tutto gas'', che offriva in 75 officine sconti per installare impianti gpl nell'auto. ''Un flop - ha commentato Rosario Mancino, presidente provinciale dell'Aira, gli autoripatatori della Cna - perché la maggior parte degli installatori non si è voluta sobbarcare lo sconto del 15 per cento sugli impianti. Il Comune metteva solo i soldi per la pubblicità''. Bilancio positivo per la campagna contro il caro scuola, rilanciata dall'assessore alle Attività produttive Felice Bruscia e appena conclusa. ''Abbiamo scontato anche zaini e accessori griffati - spiega Carmelo Arone, presidente dei cartolai Confesercenti - l'anno prossimo vogliamo partire prima e allargare l'iniziativa alle cartolerie della provincia''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 novembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia