Parte da Napoli il 2 gennaio il periodo dei saldi invernali. E in questa stagione gli sconti partiranno dal 40%

28 dicembre 2007

Cominceranno da Napoli i saldi invernali, esattamente il 2 gennaio. A seguire a ruota il capoluogo partenopeo saranno Roma, Milano e Palermo, dove gli sconti scattano il 5 gennaio. Le ultime città a dare il via al periodo degli sconti saranno Catanzaro e Campobasso da metà gennaio.

Gli esperti hanno calcolato che quest'anno ogni famiglia spenderà medialmente 500 euro per abbigliamento e accessori facendo lievitare il valore dei saldi invernali 2008 a 6,5 miliardi di euro, circa 2 miliardi in più rispetto allo scorso anno. La Confcommercio prevede che quasi 12 milioni di famiglie saranno coinvolte nella caccia allo sconto e che in questo periodo sarà acquistato quasi il 18% del fatturato totale del settore abbigliamento.
Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia, è ottimista: "Per i saldi invernali, le aspettative degli operatori del settore si prevedono moderatamente soddisfacenti, tenuto conto che potrà esserci un recupero di spesa a fronte di un andamento delle vendite natalizie in generale scarse e concentrate, come in passato, su pezzi piccoli di basso prezzo, pelletteria compresa. Quest'anno, gli sconti potranno essere anche maggiori rispetto al 2006 partendo già da un 40%".

E per evitare fregature nell'acquisto di merce scontata Confcommercio ricorda le regole da non dimenticare:
1. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 128 e ss. del Codice del Consumo d.lgs. 6 settembre 2005 n. 206). In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
2. Prova dei capi: non c'è obbligo. E' rimesso alla discrezionalità del negoziante.
3. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione.
4. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Salve specifiche disposizioni regionali, è possibile porre in vendita capi non appartenenti alla stagione in corso.
5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Ecco il calendario dei saldi nelle principali regioni e città:

REGIONE PERIODO  CITTA' 
Abruzzo  5 Gennaio-18 Febbraio  L'Aquila 
Basilicata  7 Gennaio-7 Marzo  Potenza 
Calabria  15 Gennaio-28 Febbraio  Catanzaro 
Campania  2 Gennaio-31 Marzo  Napoli 
Emilia Romagna  5 Gennaio-5 Marzo  Bologna 
Friuli Venezia G.  12 Gennaio-31 Marzo  Trieste 
Lazio  5 Gennaio-15 Febbraio  Roma 
Ligura  6 Gennaio-19 Febbraio  Genova 
Lombardia  5 Gennaio-5 Marzo Milano 
Marche  5 Gennaio-1 Marzo  Ancona 
Molise  15 Gennaio-28 Febbraio  Campobasso 
Piemonte*  1 Gennaio-31 Marzo  Torino (5 Gennaio-29 Febbraio)
Puglia  5 Gennaio-28 Febbraio  Bari 
Sardegna  8 Gennaio-8 Marzo  Cagliari 
Sicilia  5 Gennaio-15 Marzo Palermo 
Toscana  7 Gennaio-7 Marzo  Firenze 
Umbria  7 Gennaio-6 Marzo  Perugia 
Valle d'Aosta  10 Gennaio-31 Marzo  Aosta 
Veneto  5 Gennaio-28 Febbraio  Venezia 
   
* Nell'ambito del periodo fissato dalla Legge regionale 27/2004, i Comuni possono stabilire un periodo massimo di durata dei saldi di otto settimane.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 dicembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia