Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Parte la campagna Codacons "ROMPIAMO LE CATENE": boicottaggio contro i supermercati che non vendono i prodotti siciliani

13 dicembre 2010

La Sicilia produce quantità enormi di agrumi, frutta, ortaggi, olio di elevatissima qualità, vino e molto altro ancora, eppure i supermercati isolani quasi mai espongono sui banchi prodotti della nostra terra. Un'assurdità contro cui i consumatori si battono da anni e sulla quale non sono più disposti a cedere.
Partirà, infatti, proprio in coincidenza con le festività natalizie, l'iniziativa di Codacons e Consumatori Italiani insieme per sostenere il made in Sicily. "Quello che abbiamo in mente - afferma Francesco Tanasi, Segretario Nazionale Codacons - è la più grande campagna per il boicottaggio delle catene dei supermercati che non vendono siciliano mai vista nella storia. Non è solo una provocazione, si tratta di una concreta operazione di protesta che mira a rilanciare nei punti vendita isolani l'utilizzo dei prodotti made in Sicily di qualità. E spesso anche a prezzi molto convenienti".
I consumatori sono pronti a scedere in piazza con i produttori, per rompere le catene che metaforicamente impediscono alla nostra economia di spiccare il volo e raggiungere il mercato della grande distribuzione.
Per far ciò serve una struttura di coordinamento e valorizzazione del settore agroalimentare made in Sicily. "L'obiettivo - afferma Tanasi - deve essere quello di giungere a un sistema sinergico e coordinato di vigilanza, distribuzione e controllo dell'intera filiera agro-alimentare siciliana. Si potrà così attivare una socializzazione trasversale degli interventi, delle iniziative, dei dati e dei risultati dei vari soggetti, che si occupano della sicurezza alimentare e della valorizzazione dei prodotti agroalimentari siciliani. Al supermercato vogliamo trovare le nostre arance, il nostro olio, le mele dell'Etna e così via. I distributori - conclude Tanasi - sapranno a breve di quanto siamo capaci e quale è la strada che vogliamo precorrere".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 dicembre 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE