Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Per i dipendenti della Regione siciliana una busta paga con lo scherzo... non gradito

Nessuno dei 15mila dipendenti ha incassato gli aumenti previsti dal nuovo contratto e gli arretrati previsti per il biennio 2002-03

29 giugno 2005

Tra i lavoratori il 27 di ogni mese è la giornata più attesa, quella in cui si può tirare un piccolo sospiro di sollievo. Per la maggior parte dei lavoratori, superfluo dirlo, il 27 di ogni mese è il giorno della ''busta paga''.
Per i 15 mila dipendenti della Regione Sicilia il 27 appena passato, è stato un giorno atteso più di tutti gli altri 27, perché dovevano ricevere contemporaneamente gli stipendi maggiorati per effetto del rinnovo contrattuale e gli arretrati del biennio 2002-2003. Insomma, un 27 con i fiocchi.
Invece, aprendo le loro tante attese buste, sono rimasti tutti con un palmo di naso.
Pur avendo ricevuto regolarmente lo stipendio, nessuno ha incassato gli arretrati: gli uffici della Regione non hanno fatto in tempo ad aggiornare i dati (e a calcolare quanti soldi servissero) per la tradizionale scadenza del 27.

Ma c'è stato pure chi è rimasto gabbato due volte: al dipartimento Beni culturali e in quello al Lavoro i dipendenti hanno ricevuto due buste paga. Gabbato? si chiederà qualcuno, ne hanno ricevuto due invece che una!
Andiamoci piano: la prima conteneva lo stipendio completo di prospetto informativo e i soldi erano accreditati nel conto in banca. La seconda conteneva lo stesso prospetto riferito, in questo caso agli arretrati, ma i soldi non c'erano. Non sono stati accreditati nel conto in banca.
Eppure la busta paga parla chiaro, ci sono tutte le voci: ''aliquota media applicata'', ''arretrati stipendio anni 2002/2003'', ''arretrati contributi'', e accanto a ogni voce l'importo. A mancare sono solo i soldi.

I soldi arriveranno, hanno subito assicurato all'assessorato al Bilancio, e anche in fretta: ''Probabilmente l'invio della busta paga è stato un eccesso di zelo delle amministrazioni che più velocemente ci hanno inviato i dati sugli arretrati - spiega il dirigente Mariano Pisciotta -. Ma non tutti li hanno comunicati tanto rapidamente e noi stiamo ultimando adesso le verifiche. Solo nei prossimi giorni sposteremo nell'apposito capitolo di bilancio le somme necessarie a pagare gli arretrati. Probabilmente non occorrerà nemmeno attendere il prossimo stipendio. Basterà proprio qualche giorno''.

Nell'attesa però i leader dei sindacati protestano: ''Da tempo chiediamo che si crei un unico ufficio regionale che si occupi degli stipendi, oggi invece ogni assessorato fa per sé e questo provoca episodi dal sapore amaro come questo, capitato a chi da anni attendeva gli arretrati''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

29 giugno 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia