Per salvare la Fiat di Termini Imerese...

...Cisl e Uil sono pronti a sacrifici come Pomigliano mentre Lombardo è pronto a dialogare con tutti

30 luglio 2010

Nei giorni scorsi, al termine del tavolo Fiat a Torino, il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, ha detto che "il governo continuerà il percorso in atto sulla reindustrializzazione di Termini Imerese e le parti saranno convocate, di intesa con la Regione Sicilia, entro il 15 settembre, per discutere di tutte le proposte che Invitalia sta esaminando".

Cisl e Uil siciliane , da parte loro, preoccupate per il futuro di Termini Imerese, hanno detto d'essere pronte "con spirito positivo" a mettere sul piatto per il rilancio del sito produttivo "deroghe e flessibilità anche più significative di quelle già decise per Pomigliano". L'obiettivo, scrivono i segretari generali delle due associazioni sindacali in una lettera partita ieri da Palermo alla volta di Palazzo Chigi e Palazzo d'Orleans, sede della Presidenza della Regione siciliana, è "contribuire all'attrazione di investimenti industrialmente e socialmente significativi". Ma punto di partenza di una nuova operazione-Termini, per Cisl e Uil deve essere lo stop, sul fronte politico e istituzionale locale, a "uscite improvvisate e prive di respiro strategico". Il governo della Regione, incalza il sindacato, dovrebbe piuttosto "occuparsi con maggiore vigore e con il consenso e il sostegno di tutte le organizzazioni sindacali e associazioni imprenditoriali", di far pressioni sull'esecutivo nazionale. Affinché, precisano Maurizio Bernava e Claudio Barone, "entro e non oltre il 15 settembre ci sia l'individuazione della proposta o delle proposte industriali per Termini". L'idea dei due sindacati è che governo nazionale e Fiat vadano indotti a "definire, entro il 2010, le linee-guida del contratto di sviluppo" con gli imprenditori interessati. "Contemporaneamente - spiegano i sindacati - il governo nazionale dovrà indicare le somme che, accanto a quelle stanziate dalla Regione, dovranno essere a disposizione dei piani di ammodernamento infrastrutturale e per le incentivazioni al progetto industriale e all'occupazione".
Rivolti a Berlusconi, Cisl e Uil invitano l'esecutivo nazionale "a riflettere perché quella termitana può diventare la prima vera grande operazione di riconversione produttiva che può qualificare una nuova politica industriale per il Mezzogiorno. In Sicilia invece - concludono - il governatore convochi un tavolo di crisi permanente".

Parlando di Termini Imerese con la Fiom Cgil, il presidente della Regione Raffaele Lombardo, ha voluto rispondere a quella stampa che, a suo parere ha sbagliato ha definirlo scorretto per la presunta "sponsorizzazione" dell'imprenditore piemontese Gian Mario Rossignolo (LEGGI). "Leggo sulla stampa di mie presunte scorrettezze perché avrei già scelto di sponsorizzare, per il futuro di Termini Imerese, un imprenditore e di avere un dialogo preferenziale con questo o quel sindacato. Mi pare una tempesta in un bicchier d'acqua". "Ribadisco - ha aggiunto Lombardo - che il governo regionale intende dialogare con tutte le forze sindacali, tanto che avrei dovuto partecipare all'assemblea organizzata dalla Fiom la scorsa settimana. Non ho potuto farlo in quanto impegnato, quello stesso giorno, per l'audizione in Commissione antimafia. Con Fiom eravamo d'accordo che ci saremmo incontrati il mercoledì successivo, cioé ieri, per affrontare la questione di Termini". "Così come tengo a sottolineare - ha concluso il governatore - che il nostro governo non sponsorizza alcuna delle proposte presentate per Termini Imerese. Tutte saranno vagliate e valutate con lo stesso interesse. Il nostro fine principale è quello di assicurare un futuro certo per i lavoratori siciliani della Fiat e del suo indotto”.

[Informazioni tratte da Ansa, Adnkronos/Ing, La Siciliaweb.it]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 luglio 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia