Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Perché in Sicilia la Fiat non riesce a fare quanto è riuscita a concludere in Serbia?

11 giugno 2008

"Su Termini Imerese, Sergio Marchionne, amministratore delegato Fiat, ha ragione. E' per questo che dal governatore Lombardo ci aspettiamo che intervenga immediatamente. E che la Cisl siciliana darà battaglia".
Per Maurizio Bernava, segretario regionale Cisl, quanto dichiarato dal manager Fiat riguardo al fatto che in Serbia è stato chiuso un accordo in tre settimane mentre in Sicilia non si riesce a fare altrettanto nonostante gli impegni assunti da tempo dai governi regionale e nazionale, "è sconcertante. E deve far riflettere". Perché "non è ammissibile buttare alle ortiche un miliardo d'investimenti complessivi, con 650 milioni di contributo pubblico e i benefici del contratto di programma".

"A Lombardo - insiste il sindacalista Cisl - chiediamo di agire con determinazione, consentendo a Fiat di dar corpo al cosiddetto piano A che prevedeva per Termini il raddoppio, già da quest'anno, di produzione, modelli e personale". Il piano B, che punta unicamente sulla Ypsilon e i suoi sviluppi, sarebbe infatti "un modesto, inaccettabile ripiego". Pertanto, "il governatore intervenga sul governo nazionale, lo chiami al rispetto degli impegni e all'attuazione del contratto di programma".
E' ora di togliere alibi alla Fiat, ripete Bernava, mettendo il punto a chiacchiere e teatrini della politica.

Umberto Ginestra

- www.cislsicilia.net

 

 

 

 

 

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 giugno 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE