Pluripremiati i cortometraggi dei nuovi registi palermitani

19 ottobre 2002
Sembra sia nata una scuola registica palermitana, e se così non è, c’è comunque grande fermento fra i registi del capoluogo siciliano, che sfornano corti d'autore e vincono premi e riconoscimenti.
Nel novero dei protagonisti made in Palermo c'è Sergio Ruffino con ''Il giorno dopo'', prodotto da Officina Arte Cinema, tra i finalisti dei festival di corti ''Leader 35'' e ''Immagini a confronto'', ed e che è già stato proclamato vincitore di ''Energheia 2002'', come miglior corto.

Ruffino non dorme sugli allori e prosegue a lavorare, sta infatti preparando con la sua casa di produzione ''L'aria è irrespirabile qui a Palermo'', storia d'amore e d'amicizia di due bambini conosciutisi dai balconi, e ''Il resto di me'', un film a episodi sulla vita di Giacomo Leopardi.
Officina Arte Cinema, di cui Ruffino è presidente, sta anche cercando di avviare l'apertura di un centro di produzione e promozione d'arte e cultura in città.

Un Corto di un altro giovane regista palermitano, Daniele Bonfiglio, dal titolo ''L'autobus'', ottiene ancora prestigiosi riconoscimenti: dopo il ''Festival di Nettuno'' e ''l'Alternative Film Fesival'' sarà premiato al festival ''Immagini al confronto''. Bonfiglio sta lavorando insieme a Giovanni Mineo alla sceneggiatura del prossimo cortometraggio.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 ottobre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia