Presentata a Bruxelles l’edizione 2003 del Festival Europalia

Un evento interamente dedicato all’arte e alla cultura italiane

17 maggio 2003
''È la cultura che permette di scoprire l’appartenenza comune e dare contenuto e spessore al concetto di cittadinanza europea. Per troppo tempo essa è stata invece trascurata dalle politiche comunitarie''. Queste le parole pronunciate a Bruxelles dall’ambasciatore Umberto Vattani, capo della rappresentanza italiana presso l’Unione europea, in occasione della presentazione di ''Europalia'', il festival europeo quest’anno tutto dedicato al Bel Paese.

L’evento, inquadrato nel semestre di presidenza italiana dell’Ue, partirà in autunno e si comporrà di 27 mostre, 100 concerti e una fitta serie di convegni e simposi. Parteciperanno personalità di spicco, dai musicisti Riccardo Muti, Riccardo Chailly e Cecilia Bartoli, ai premi nobel Rita Levi Montalcini e Carlo Rubbia e saranno esposte celebri opere d’arte, dalla Venere d’Urbino di Tiziano ai contemporanei.

''Noi vorremmo che la cultura svolgesse un ruolo primario, anche per avvicinare i nuovi Paesi che il prossimo anno si aggiungeranno all’Unione e vorremmo che tutti mantenessero la capacità creatrice propria di ogni Paese, com’è capitato nelle regioni italiane dopo la riunificazione. Insomma l’Europa dovrebbe prendere esempio da quello che è il panorama artistico italiano''. Un’accademia che riunisca a Bruxelles giovani artisti e studenti europei per facilitare gli scambi culturali, sul modello realizzato dall’Italia a New York, è stata la proposta dall’ambasciatore che ha poi aggiunto: ''Stiamo cercando di collocare in ciascuno dei grandi palazzi delle istituzioni europee varie opere d’arte italiane. Così abbiamo portato a Bruxelles un cavallo di Mimmo Paladino, alto 5 metri e 80, già a Genova per il G8 e vorremmo collocare nella sede del Parlamento europeo a Strasburgo una grande scultura di Consagra. Inoltre monteremo sempre a Strasburgo un’interessante video-scultura di Fabrizio Plessi che rappresenta Roma. Tutte iniziative fatte per il semestre ma destinate a restare''.

Articolato in sezioni artistico-figurali, musicali, teatrali e con un ampio spazio dedicato alla scienza, Europalia vanterà tra i suoi eventi principali una grande mostra sul ruolo della famiglia Este come mecenate d’arte in Europa. Da non perdere la Venere di Urbino di Tiziano, in esposizione da ottobre al Palais des Beaux Arts di Bruxelles insieme a 80 opere di celebri artisti. Ad arricchire il programma, una mostra su Pompei, una sul barocco genovese e i rapporti di Genova con le Fiandre ed Anversa e due mostre sul Novecento che spaziano dal futurismo agli artisti del dopoguerra come Michelangelo Pistoletto, Giorgio Moranti, Luigi Ontani. Il mondo della musica sarà presente con 100 concerti diretti, tra gli altri, da Riccardo Muti e Riccardo Chailly e interpretati da cantanti del calibro di Cecilia Batoli. Spazio anche al teatro con produzioni realizzate in collaborazione con il Piccolo di Milano, l’Opera dei Pupi di Palermo e il Centro di Danza Arteballetto. Infine, per il cinema sono previste retrospettive dedicate a Fellini, Visconti e Rossellini.

Fonte: Aise

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 maggio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia