Prima la Sicilia... per disoccupazione

Dal Rapporto di Bankitalia: il tasso nell'Isola è del 22,9%, il più alto nella graduatoria nazionale e in tutto il Sud

21 novembre 2014

La crisi continua ad infliggere colpi tremendi, mentre le imprese licenziano o nel migliore dei casi non assumono. In Sicilia la situazione ha varcato la soglia della preoccupazione e l’allarme disatro aleggia costantemente su una grande parte della popolazione: nell’Isola da gennaio a giugno di quest'anno, gli occupati sono diminuiti del due percento rispetto ai primi sei mesi del 2013. Sebbene la percentuale risulti dimezzata (era -5,3% nel 2013), rispetto allo scorso anno 37 mila persone hanno perso il lavoro e il tasso di disoccupazione ha raggiunto quasi il 23% (attestandosi al 22,9).
Il dato consegna alla Sicilia il primato negativo nella graduatoria nazionale, perché la percentuale di disoccupati è la più alta della media nazionale e di quella registrata nel Mezzogiorno.

Il tragico quadro emerge dal Rapporto sull'andamento dell'Economia in Sicilia nel primo semestre 2014 di Bankitalia, che ieri mattina è stato presentato a Palermo.

A perdere il lavoro sono più gli uomini (-3,7%) che le donne (-1%), così come i lavoratori autonomi (-3,6%) che i dipendenti (-2,5%). I settori più colpiti sono le costruzioni (-7,2%) e i servizi (-2%) mentre si registra un modesto recupero degli occupati nell'industria in senso stretto (1,2%). Il tasso di occupazione è pari al 39% mentre le persone in cerca di lavoro sono 27 mila (+7,5%), la maggior parte delle quali senza una precedente esperienza lavorativa.
Infine da gennaio a settembre di quest'anno è aumentato il ricorso alla cassa integrazione in deroga e alla cig straordinaria (+10.1%), mentre è diminuito il ricorso alla cig ordinaria (-24,9%). I settori nei quali è cresciuto più di altri il ricorso al paracadute sociale sono: servizi di trasporto, telecomunicazioni, industria meccanica. In calo, invece, il ricorso alla cig nell'industria manifatturiera, nell'edilizia e nel commercio.

In un binario parallelo di negatività viaggia l'economia siciliana in un continuo affanno. Anche nella prima parte dell'anno la spirale recessiva stenta ad attenuarsi. In tutti i comparti gli indicatori nei primi sei mesi del 2014 risultano in calo; l'unico settore in crescita è il turismo, che registra un aumento delle presenze di stranieri pari al 10,8% rispetto allo stesso periodo 2013.
I crolli più significativi si registrano nell'import-export. Le esportazioni calano dell'11,1%, in controtendenza con la media nazionale (+1,3%), mentre le importazioni diminuiscono del 10,5%.

In particolare, scende del 9,6% il commercio con l'estero di prodotti petroliferi raffinati che rappresentano per due terzi il totale dell'export siciliano e il 44,6% delle del totale nazionale del comparto; e al netto dei derivati del petrolio si riducono quasi tre punti percentuali attestandosi a quota -13,9%. Nemmeno il trend positivo dell'agroalimentare riesce a bilanciare la flessione degli scambi con l'estero registrata per i prodotti chimici, elettronici e farmaceutici.
Gli scambi con i Paesi extra Ue si riducono del 14,8% da gennaio a giugno di quest'anno; meno marcato (-4,6) quello verso i paesi dell'Unione europea anche se schizza a -37,3% e -11,8% verso la Spagna e Germania. Infine, per i derivati del petrolio le riduzioni più significative si registrano negli scambi con Turchia, Egitto e Slovenia; in crescita, invece, le esportazioni verso Tunisia, Libia e Arabia Saudita.

Inoltre, da gennaio a giugno di quest'anno sempre meno famiglie e imprese, in Sicilia, chiedono un finanziamento a banche e società finanziarie e i prestiti risultano in calo di quasi due punti percentuali rispetto allo stesso periodo 2013. Su base annua i finanziamenti alle aziende da parte degli istituti di credito calano del 3,8% in meno, mentre quelli alle famiglie consumatrici si riducono del 2%.
La flessione risulta più pronunciata per le imprese attive nel settore delle costruzioni e dei servizi, che registrano anche un calo degli occupati. La crisi morde e le famiglie acquistano sempre meno, non a caso in Sicilia il ricorso al credito al consumo diminuisce del 4% e risulta in caduta libera la componente erogata dalle società finanziarie, rispetto a quello delle banche. I mutui per l'acquisto di abitazioni diminuiscono dell'1,5% (contro l'-1,6% nel 2013), anche se risulta in lieve calo il tasso di interesse annuo effettivo globale (Taeg), che a giugno di quest'anno si ferma al 3,8% contro il 3,9% della fine del 2013.

[Informazioni tratte da ANSA, Lasiciliaweb.it, €conomiaSicilia.com]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 novembre 2014

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia