Quando il traghetto Florio s'incendiò...

Dalla relazione degli esperti della Capitaneria di Palermo sull'incendio a bordo della nave della Tirrenia avvenuto nel maggio del 2009

02 dicembre 2010

L'impianto antincendio si guastò quattro minuti dopo il rogo, la schiuma per spegnere le fiamme venne gettata nel ponte sbagliato. Le porte antifuoco come da progetto potevano essere aperte solo dall'interno vale a dire da dove si era sviluppato l'incendio, i passeggeri furono avvertiti con i megafoni o cabina per cabina perché l'impianto di comunicazione andò subito in tilt, i due timoni andarono in avaria. E' quanto emerge dalla relazione degli esperti della Capitaneria di porto di Palermo sull'incendio a bordo della nave Vincenzo Florio della Tirrenia la notte tra il 28 e il 29 maggio del 2009. Sulla nave partita da Napoli e diretta a Palermo c'erano 513 passeggeri, tra cui numerosi bambini e scolaresche, e 53 membri d'equipaggio, che lasciarono l'imbarcazione sulle scialuppe di salvataggio. Tutti salvi per miracolo (LEGGI).

Gli esperti incaricati dal ministero dei Trasporti segnalano una serie di anomalie e di errori commessi dall'equipaggio nella gestione dell'emergenza. Poco prima della partenza, dunque a poche ore dall'incidente, inoltre la Capitaneria di porto di Napoli aveva rilasciato alla "Florio" il certificato sicurezza passeggeri, che abilitava l'imbarcazione anche a brevi viaggi internazionali.
Il capitano di corvetta Liciano Caddemi, che ha firmato la relazione, punta il dito nei confronti del comandante, del direttore e del primo ufficiale di macchina che agirono dimostrando "insufficiente preparazione e/o inettitudine, scarsa considerazione degli interessi altrui, trascuratezza e mancanza o deficienza di attenzione, leggerezza, inosservanza di precauzioni doverose".
Anche le squadre via terra di Tirrenia, secondo la relazione Caddemi, non avrebbero fornito "l'adeguato supporto tecnico durante l'emergenza incendio". Il rapporto è agli atti del procedimento che vede indagati i proprietari degli automezzi da cui sarebbe partito l'incendio, sviluppatosi nel ponte 5 della nave, e tre degli ufficiali di bordo. La Tirrenia è considerata parte offesa. Nei prossimi giorni si terrà un incidente probatorio, davanti al gip Luigi Petrucci, chiesto dal pm Carlo Lenzi.

[Informazioni tratte da Ansa, Repubblica/Palermo.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

02 dicembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia