Quando il troppo storpia... Arrestati due ''esattori del pizzo'' grazie alla collaborazione delle vittime

27 giugno 2007

Ci sono persone che quando il troppo storpia, nemmeno la minaccia mafiosa riesce a calpestargli la dignità. Come quella dei quattro imprenditori palermitani che esasperati dalle continue angherie di due estortori legati alla mafia hanno deciso di incastrarli e farli arrestare.
I due presunti strozzini di Vicari (PA) sono stati infatti arrestati grazie alle intercettazioni telefoniche e alle registrazioni degli incontri fatte con una cimice nascosta nell'orologio di una della vittime.
In carcere, accusati di quattro episodi di estorsione (uno portato a termine, tre tentati) con l'aggravante dell'agevolazione dell'associazione mafiosa, sono finiti Salvatore La Monica, 35 anni, disoccupato che saltuariamente lavora nell'azienda agricola del padre, e Salvatore Macaluso, 43 anni, titolare di un panificio di Vicari. Inchiodati dalle loro stesse minacce, registrate dai carabinieri della compagnia di Lercara Friddi (Palermo), che ora stanno portando a termine l'operazione ''San Giorgio''. Secondo le indagini, uno dei boss a cui La Monica e Macaluso erano legati sarebbe un ''vicarisi'', abitante di Vicari, che le forze dell'ordine identificano con Salvatore Umina.

Il pizzo che i due delinquenti pretendevano non era particolarmente esoso (si andava da 600 a 5mila euro) ma le frequenti richieste erano accompagnate da minacce e allusioni: dai mezzi sorrisi fatti alla moglie di uno degli imprenditori a frasi come ''Qualcuno vuole farti del male, ma per tua fortuna ci sono qua io...''. I soldi sarebbero serviti a pagare avvocati per esponenti della malavita, in cambio di una ''protezione'' per le attività degli imprenditori.
Dall'orologio-cimice messo al polso di uno degli imprenditori, in grado di registrare otto ore di conversazione, viene fuori un ritratto vivido e inquietante dei modi di fare degli ''esattori''.
La Monica: ''Ma dico, seicento euro niente sono, glieli mandi e ti togli il pensiero, buttana della miseria. E fai andare bene a me (mi fai fare bella figura, ndr)... Ma che minchia sono seicento euro? Sta minchia''. La vittima prova a obiettare, dicendo di non avere quella somma. La Monica torna allora all'attacco, e parte con i consigli: ''Ascoltami come un fratello: prendi ste minchie di seicento euro e glieli mandi. Non cugghiuniari (scherzare, ndr)... Sto scherzo manco lo devi permettere tu, minchia ora quelli sono capaci che pure a me, capisci? Che minchia credi, che sono persone con le quali puoi parlare come stiamo facendo noi?''.

Anche parlando tra di loro i due presunti esattori non andavano leggeri. Nelle conversazioni telefoniche intercettate, si può ascoltare un riassunto della filosofia del pizzo dei due.
Macaluso consiglia: ''Stringigli forte la cinghia, Totò!'', e La Monica risponde: ''Eehh la cinghia... e se poi la giumenta si affoga?''. Ma Macaluso lo rassicura: ''Non si affoga la giumenta non ti scantare, stringigli la cinghia forte, cu pede bello stretto. Appuntinaci ù pede e ci fai ù nurco, ù capisti?'' (punta il piede e gli fai il nodo, hai capito?, ndr). Per non ''strozzare la giumenta'',  infatti, i due accettavano anche pagamenti a rate.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 giugno 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia