Quel Ponte sullo Stretto tanto agognato dal presidente della Regione Siciliana, Totò Cuffaro

28 maggio 2007

In queste ultime settimane l'interesse che il presidente della Regione siciliana, Totò Cuffaro, continua a mantenere costantemente vivo sulla mancata costruzione del Ponte sullo Stretto, è stato dimostrato con due interventi.
Il primo all'indomani delle amministrative. ''Sui fondi destinati al Ponte sono disposto a valutare le proposte del governo. Ma pongo una condizione: che le infrastrutture che dovessero realizzarsi si facciano perché si realizzerà il Ponte, non dare il denaro all'Impregilo per evitare un'azione di danno erariale''. ''Nelle prossime settimane - ha detto ancora Cuffaro - andrò a Roma a parlare con Prodi. Gli spiegherò che c'è bisogno di un ragionamento sereno perché la Sicilia ha gli stessi doveri e gli stessi diritti delle altre regioni''.

Il secondo intervento è stato esplicitato qualche giorno fa, all'indomani dell'approvazione del regolamento per la distribuzione dei fondi da parte del Parlamento europeo. ''Si riaprono i giochi per le reti transeuropee di trasporto (Ten), considerate dall'Ue prioritarie, tra cui spicca il Ponte sullo Stretto, elemento principale per il completamento del corridoio 1 Palermo-Berlino'', ha detto Cuffaro che ha colto l'occasione per fare un appello al ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro e al governo nazionale, ''affinché sia presentato il progetto per partecipare alla ripartizione dei contributi europei pari a 8,013 miliardi di euro''. ''Il governo Prodi - ha aggiunto Cuffaro - ha ancora 60 giorni di tempo per partecipare ai bandi emanati dalla Commissione europea presentando i progetti delle opere da realizzare tra cui il Ponte sullo Stretto, ed è l'ultima opportunità per non perdere i fondi destinati alla sua realizzazione. In questa vicenda ha prevalso più l'appartenenza politica e di schieramento che la logica, anche se abbiamo registrato tante voci di esponenti della sinistra a favore del Ponte''.

 

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 maggio 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia