Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Quello ''Spasimo'' siciliano non è di Raffaello

Spasimo di Sicilia: dalla leggenda alla realtà. ''La tavola di Caltanissetta non è l'originale di Raffaello''

30 marzo 2010

È stata inaugurata ieri pomeriggio al Museo Diocesano di Caltanissetta, la mostra "Lo Spasimo e gli Spasimi di Sicilia", promossa dall’assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, unitamente alla Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali di Caltanissetta. La Mostra, incentrata sulla presentazione di capolavori di Scuola raffaelliana, ha un grande valore, rappresentando un punto di contatto tra l’Arte e la Storia, tra la religiosità del popolo nisseno e le evocazioni di profondo significato religioso che si riscontrano nelle opere esposte: «L’idea nasce con l’obiettivo di promuovere e dare impulso al nostro patrimonio artistico e di consolidarlo nel territorio - ha spiegato la soprintendente ai Beni Culturali di Caltanissetta Rosalba Panvini - l’evento, inoltre, viene presentato in un momento particolarmente significativo per la società, ovvero durante le Celebrazioni della Settimana Santa, che hanno un notevole valore storico, ma anche etno-antropologico, legato alla tradizione popolare nissena delle Miniere di zolfo, spina dorsale dell’economia del territorio provinciale di Caltanissetta».

Durante la cerimonia sono stati illustrati i risultati relativi alle indagini effettuate sulla tavola "L’Andata al Calvario" (Lo Spasimo) di Caltanissetta, che da anni è al centro di un dibattito relativo alla paternità dell’Opera. La tavola, infatti, che porta la firma "R.Urbinas" e che ha lo stesso tema iconografico dell’opera esposta al Prado di Madrid, è stata attribuita da diversi critici alla mano di Raffaello. Per fugare ogni dubbio, gli esperti del Centro regionale per il restauro di Palermo, l’hanno sottoposta alla datazione al carbonio 14, a quella dendronologica, all’analisi spettroscopica sul legno agli ultravioletti, alla fluorescenza, ai raggi X e alla Tac.
I RISULTATI - L’opera proviene dal Monastero di Santa Croce di Caltanissetta ed è conservata, oggi, presso il Museo Diocesano: «Le vicende e le polemiche che hanno accompagnato da secoli questo dipinto, forse, non dirimono le ombre e i dubbi circa l’attribuzione o meno al grande Maestro Raffaello Sanzio – ha spiegato l’architetto Cris Nucera - i ripetuti restauri, non sempre ben eseguiti in periodi precedenti, inoltre, hanno rischiato di alterare la leggibilità dell’opera, alimentando ulteriori dibattiti». Dai risultati emerge che la qualità pittorica della Tavola nissena si discosta alquanto dalle opere di Raffaello: «Il Maestro - ha detto la Panvini - costruisce le sue immagini con una più rigorosa osservanza del disegno di tradizione fiorentina, mentre le figure della Tavola nissena sono costruite con tocchi di pennello secondo uno stile che si svilupperà nell’area meridionale con Polidoro da Caravaggio e i suoi seguaci, cosa che fa propendere per una datazione intorno alla seconda metà del XVI secolo».
Prova della infondatezza della tesi della paternità raffaellesca dello "Spasimo" di Caltanissetta è anche la differenza delle dimensioni: «La Tavola nissena misura 128x92 centimetri, molto piccola quindi rispetto a quella del Prado che è di 318x229 centimetri - ha aggiunto Nucera - non ha senso, infatti, creare una copia ingrandita e più accurata nei particolari per sostituirne una originale dalla quale avrebbe dovuto essere indistinguibile. Inoltre, la firma sulle opere di Raffaello non è una sigla inconfondibile dell’artista, ma un’iscrizione in lettere capitali, che potrebbe essere stata apposta non dal Maestro di proprio pugno, ma da un aiuto, come per intendere un’apposizione di un marchio di garanzia nel senso che l’opera possa esser stata realizzata sotto la supervisione del Maestro».

Sarà possibile visitare gratuitamente la mostra tutti i giorni, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 18, ulteriori informazioni al numero della Soprintendenza ai Beni Culturali di Caltanissetta 0934554965 – 3351041461 (Rosalba Panvini)

- "Spasimo e Spasimi di Sicilia: tra leggenda e realtà" (Guidasicilia.it, 27/03/10)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 marzo 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia