Raffaele Lombardo sul credito d'imposta: "I dati finali dimostrano la giustezza della scelta"

04 gennaio 2012

Sono 925 le domande per accedere al credito d’imposta giunte all'Agenzia delle entrate dal 2 novembre al 31 dicembre 2011, ultimo giorno utile per la presentazione delle istanze. Sono stati complessivamente richiesti crediti per 208 milioni di euro a fronte di investimenti pari a circa 600 milioni. La provincia con il maggior numero di richieste è Catania. Il settore d'investimento col maggior numero di istanze è quello manifatturiero.
"Il successo di questa iniziativa dimostra che abbiamo colto nel segno. Dobbiamo continuare ad aiutare le imprese in modo concreto e con strumenti agili ed efficaci, abbandonando definitivamente la logica dei finanziamenti a pioggia. Questo è il modo migliore per sostenerle nelle difficoltà di una crisi internazionale che è ancora lontana dall'essere superata. Proprio per garantire a tutti coloro che hanno avuto accolte le domande di poter godere dei benefici del credito d'imposta, abbiamo provveduto a reperire le somme necessarie con l'ultima legge approvata a fine anno". Così ha commentato il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, i dati definitivi del credito d'imposta.

"Questi dati – ha detto l'assessore regionale per l’Economia, Gaetano Armaoconfermano inequivocabilmente quanto affermato in questi mesi: si tratta di una misura utile e opportuna per sostenere l'economica siciliana, che garantisce ritorni occupazionali e economici in tempi brevi. Il governo regionale prosegue su questa strada con altri provvedimenti a sostegno delle imprese e delle famiglie. Il prossimo appuntamento è fissato per la prossima settimana quando consegneremo la somma di danaro alla prima famiglia che ha fatto ricorso al microcredito".
I 208 milioni di euro di credito d'imposta, sono così suddivisi: 7 milioni nel settore delle attività estrattive, 106 nelle attività manifatturiere, 13 nei servizi, 25 nella trasformazione dei prodotti agricoli e della pesca, 57 nel turismo.
"E' significativo – ha aggiunto l'assessore – che 17 istanze provengano da aziende con sede fuori dalla Sicilia, con un credito ammesso ad agevolazione di circa 10 milioni di euro, a fronte d'investimenti da effettuare di circa 35 milioni. Ciò dimostra l'interesse che tale opportunità ha riscosso anche fuori dalla Regione e come sia importante proseguire in questa direzione. Di fronte a tale performance, il governo vuole andare avanti per far in modo non solo che tutte le aziende che hanno avanzato richiesta e ne hanno titolo possano godere di tale misura, ma che anche altre possano beneficiarne in seguito nel corso di quest'anno. Il risultato raggiunto, e di ciò va dato atto, è frutto del lavoro comune svolto con le associazioni professionali e sindacali, gli ordini professionali, le Camere di commercio e il Parlamento regionale che ha approvato in breve tempo le norme necessarie per assicurare adeguata copertura alle domande accolte". [Fonte: €conomiaSicilia.com]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 gennaio 2012

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia