Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Raid nella casa del Gip Marina Petruzzella

A Palermo si susseguono gli episodi inquietanti ai danni di magistrati e forze dell’ordine

27 agosto 2010

Si susseguono gli episodi inquietanti ai danni di magistrati e forze dell’ordine. Dopo gli uomini della Catturandi di palermo, spiati e minacciati (LEGGI), nel mirino della mafia adesso anche un Giudice per le indagini preliminari del tribunale di Palermo. Si tratta del Gip Marina Petruzzella che recentemente ha stilato una sfilza di condanne contro gli esattori del pizzo della famiglie mafiose della Noce e di Porta Nuova, e ora si trova alle prese con il processo "Golem 1" contro i fiancheggiatori del superlatitante Matteo Messina Denaro (LEGGI).
Nei primi giorni di agosto alcune persone sono entrate nella sua villa del quartiere Pallavicino di Palermo, ma non un solo oggetto prezioso è stato toccato. Una finestra è stata divelta, il sistema di allarme staccato e i presunti ladri, probabilmente professionisti, hanno rovistato fra le carte del magistrato e messo soqquadro la stanza dei figli.
La notizia dell’episodio è trapelata solo adesso ed è stata pubblicata dall’edizione palermitana di Repubblica che riportiamo sotto.
L’episodio, però, è stato preceduto da una sequenza di atti intimidatori. La moto del marito del giudice, infatti, è stata sabotata, poi è stata rubata l’auto del magistrato sotto casa e a febbraio una prima incursione in casa della Petruzzella. [Informazioni tratte da Ansa, LiveSicilia.it]

Incursione nella villa di un giudice che si è occupata di Messina Denaro
di Salvo Palazzolo (Repubblica/Palermo.it, 26 agosto 2010)

Sono entrati in pieno giorno a casa del giudice Marina Petruzzella, a Pallavicino, quando erano sicuri che all'interno non c'era più nessuno. Hanno divelto una porta finestra e disattivato subito il sistema di allarme. Un lavoro da professionisti, così hanno rilevato gli esperti della Scientifica dei carabinieri. E non erano ladri: perché hanno lasciato gioielli, soldi e computer al loro posto. Hanno soltanto frugato nella borsa del giudice e messo a soqquadro la stanza dei figli.
È accaduto a inizio agosto, ma la notizia trapela adesso. C'è un'inchiesta della Procura di Caltanissetta per fare luce sull'ennesima intimidazione al magistrato che fra giugno e luglio ha inflitto pesanti condanne ai boss del racket che operavano fra la Noce e Porta Nuova. Nelle scorse settimane, il giudice della sezione indagini preliminari ha iniziato ad occuparsi del processo ai favoreggiatori di Matteo Messina Denaro, arrestati nell'ambito dell'operazione "Golem 1". Leonardo Bonafede e Franco Luppino sono stati già rinviati a giudizio. Si attende invece la decisione per Domenico Nardo e Franco Indelicato, accusati di un traffico di cocaina.
Un'altra misteriosa incursione a casa del giudice era avvenuta a febbraio, dopo una sequenza di episodi tutti da chiarire. Prima, il sabotaggio della motocicletta del marito di Marina Petruzzella; poi, il furto dell'auto del magistrato, sotto casa (preceduto da alcuni spari di pistola nel cuore della notte).
Dopo l'ultimo raid, il presidente della giunta distrettuale dell'Anm, Nino Di Matteo, ha inviato una lettera al procuratore Messineo, al procuratore generale Croce, al presidente del tribunale e al presidente dell'ufficio gip. Viene chiesto di rivedere il sistema di protezione attorno a Marina Petruzzella. Le intimidazioni nei suoi confronti erano state all'ordine del giorno di un comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza, convocato a maggio in prefettura. All'epoca, era stata confermata la vigilanza saltuaria dell'abitazione del magistrato da parte delle forze dell'ordine, ma niente di più.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 agosto 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia