Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Recuperata a Favignana un'ancora romana del I Secolo a. C. del peso di circa 150 kg

27 aprile 2012

Una squadra di tecnici e volontari dell'Area Marina Protetta "Isole Egadi" e della Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana, ha recuperato dai fondali di Cala Grande, a Favignana, un ceppo d'ancora romana in piombo del peso di circa 150 kg. Il reperto archeologico, databile approssimativamente attorno al I Secolo a. C., giaceva su un fondale roccioso a 20 metri di profondità ed era stato rinvenuto da Michele Rallo, esperto apneista. Una squadra di tecnici subacquei della Soprintendenza del Mare - inviata sul luogo dal Soprintendente Sebastiano Tusa e supportata dai mezzi nautici dei carabinieri, della Capitaneria di Porto e dell'Area Marina Protetta, ha recuperato il reperto che è stato issato a bordo di un peschereccio.
L'arrivo in porto dell'ancora romana è stata salutata dal Presidente dell'Area marina protetta, il Sindaco di Favignana, Lucio Antinoro. "Provo grande soddisfazione - ha commentato - per un intervento importante, portato a termine grazie ad una esemplare collaborazione istituzionale. Per i primi tempi abbiamo concordato con il Soprintendente del Mare Sebastiano Tusa di allocare l'ancora nell'atrio di Palazzo Florio, prestigiosa sede del Consiglio comunale. A breve - conclude Antinoro - la Soprintendenza del Mare effettuerà gli opportuni rilievi e procederà ad un intervento di pulizia conservativa dell'ancora, che sarà poi esposta al pubblico in un luogo ancora da stabilire". [GdS.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 aprile 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia