Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Referendum? Quale referendum?

Sondaggio Demopolis: a meno di 3 settimane dal voto del 17 Aprile solo il 23% dei siciliani è informato

01 aprile 2016

In Sicilia solo un elettore su quattro afferma di essere informato sul referendum sulle trivelle.
È quanto si evince chiaramente dai dati del sondaggio dell'Istituto Demopolis che potrebbero pesare sul raggiungimento del quorum al di là dell’opinione prevalente che è contraria alla proroga delle concessioni. Infatti, è ampia la contrarietà dell'opinione pubblica siciliana alle estrazioni negli spazi di mare entro le 12 miglia dalle coste.
Ma, a meno di 3 settimane dal referendum, il fatto che solo 23% dei siciliani si dichiara informato sull'appuntamento elettorale fa riflettere.

Negli ultimi 16 anni l’indice di attenzione in tema ambientale è cresciuto di 20 punti: il dato, rilevato semore dall'Istituto Demopolis, era del 43% nel 2000 e raggiunge oggi il 63% con una crescita di oltre 10 punti negli ultimi 5 anni.
In questo clima di crescente attenzione all'ambiente, non stupisce che i cittadini, se chiamati in causa, manifestino ampie riserve sulle trivellazioni: esattamente il tema del quesito referendario del 17 Aprile, promosso da 9 Regioni (tra queste non figura la Sicilia, ndr) con il sostegno di diverse associazioni, che non riguarda comunque le attività petrolifere sulla terraferma, né quelle in mare a una distanza maggiore dalle coste.

Secondo il sondaggio condotto dall'Istituto diretto da Pietro Vento, il 74% degli italiani vieterebbe, alla scadenza, il rinnovo delle attuali concessioni per le estrazioni in mare entro le 12 miglia. Di parere diverso è il 26%, poco più di un quarto dei cittadini interpellati. Il dato raggiunge l'80% in Sicilia, ben oltre la media nazionale rilevata da Demopolis per il programma Otto e Mezzo (LA7): nell'Isola 8 cittadini su 10 si dichiarano contro le trivellazioni.
Di tenore del tutto opposto le ragioni di chi si schiera per il sì al divieto di rinnovo delle concessioni: i due terzi affermano che il mare e le coste italiane vadano protetti da qualsiasi rischio ambientale. Il 43% teme possibili danni per il turismo, ritenuto fondamentale per lo sviluppo del Paese; per oltre un terzo dei cittadini, intervistati da Demopolis, la politica energetica italiana dovrebbe puntare in modo più deciso sulle fonti rinnovabili.

Prescindendo dalle convinzioni in materia, la validità o meno del referendum si gioca - come sempre - sul raggiungimento del quorum del 50%. E a circa 3 settimane dal voto, l'Istituto Demopolis ha misurato il grado di conoscenza dei cittadini.
"Appena 1 elettore su 4 - spiega Pietro Vento, direttore di Demopolis -  si dichiara informato sull'appuntamento elettorale. Il 34% ammette di non saperne assolutamente nulla; il 41% degli italiani sostiene di aver sentito parlare genericamente del referendum sulle trivellazioni, ma di non sapere che si voterà il 17 aprile". Il dato di conoscenza è ancora più basso nell'Isola: appena il 23% dei siciliani si dichiara informato sul Referendum.

Per amor di informazione, è bene ricordare che, se anche vincesse SÌ, sarà impossibile fermare le trivelle sino al 2022. È la data di scadenza della concessione di coltivazione più lunga, fra quelle produttive: si riferisce alle due piattaforme Vega, al largo di Marina di Ragusa, gestite da Edison ed Eni. Il referendum che blocca la ricerca e di estrazione di petrolio e gas non agisce sulle attività in corso. E lo sfruttamento dei giacimenti, anche nei mari siciliani, continuerà comunque per diversi anni.
Sono sette i permessi e le concessioni attualmente in vigore entro le dodici miglia dalla sponda meridionale dell’Isola. Due sono quelle di Gela, risalgono al 1967 e al 1980, e l’Eni può utilizzare rispettivamente fino all’agosto del 2017 e al giugno del 2020. Eni e Edison sono titolari di una concessione per il sottofondo marino all’altezza di Licata, accordata dal ministero nel 2014 e in vigore fino al 2034: le due piattaforme, Argo 2 e Cassiopea 1, per ora non sono produttive.

C’è poi il permesso dell’Audax a Pantelleria, 657 km quadrati attorno all’isola, ma è sospeso dal 2008 in attesa "di un idoneo impianto di perforazione per acque profonde".
A bloccarsi con la vittoria del sì sarebbero le richieste di ricerca ed estrazione non ancora approvate. Al momento, per quanto riguarda la Sicilia, sono dieci: un’istanza di coltivazione, sette istanze di permesso di ricerca e due istanze di permesso di prospezione. A fare compagnia ad Eni ed Edison, nel lotto delle società in attesa del sì del ministero, multinazionali quali Schlumberger, Transunion, Northern Petroleum.

[Informazioni tratte da Lasiciliaweb.it, Repubblica/Palermo.it - articolo di Emanuele Lauria]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 aprile 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia