Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Sabir: Circolo Mediterraneo di Conversazione: ''La vera ricchezza è la cultura, lo scambio culturale''

Dal 23 al 26 giugno Ragusa, Scicli e Modica diventeranno il centro della volontà di una nuova Europa

20 giugno 2005

Dal 23 al 26 giugno a Ragusa, Scicli e Modica, conversando, scrittori, poeti, intellettuali, musicisti e artisti di 28 Paesi dell'area mediterranea mostreranno la grande ricchezza e l'unità che i paesi del bacino mediterraneo possono esprimere.
Tutto ciò prenderà forma reale nella quattro giorni di incontri, tavole rotonde, conferenze e concerti del ''Sabir: Circolo Mediterraneo di Conversazione''.
''L'economia è fugace, la vera ricchezza è la cultura, lo scambio culturale. L'economia divide i popoli, mentre la cultura li unisce''. Sono state queste le parole di Andrea Camilleri alla conferenza di presentazione dell'evento.
''E' importante, quindi, organizzare e promuovere iniziative come il Sabir, che mettono a un tavolo scrittori, poeti e intellettuali di vari Paesi semplicemente per farli conversare, per un vero e proprio scambio culturale''. ''Il Mediterraneo non è un mare, ma un grande lago e noi dobbiamo conoscere chi c'è sulla sponda opposta'' ha continuato il celebre scrittore.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche i promotori del ''Sabir: Circolo Mediterraneo di Conversazione'', Giuseppe Drago, sottosegretario di Stato agli Affari esteri; Fabio Granata, assessore al Turismo, Comunicazioni e Trasporti della Regione siciliana; Pier Virgilio Dastoli, direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea; Isabella Camera D'Afflitto, direttore scientifico Sabir, e Antonio Pioletti, preside della Facoltà di Lingue e letterature straniere dell'Università degli Studi di Catania.
Presenti anche il presidente della Provincia di Ragusa, i sindaci di Ragusa, Modica e Scicli, le località ospiteranno gli incontri di Sabir.

Scelte per la loro posizione strategica nel cuore del Mediterraneo, le tre perle barocche dell'immaginario 'triangolo barocco' del Val di Noto, sono destinate a diventare il luogo del dialogo e dello scambio culturale tra i Paesi della nuova Europa allargata e dei suoi vicini dell'area mediterranea.
Negli oltre 25 incontri in programma saranno affrontati temi che vanno dalla valorizzazione del patrimonio culturale comune del Mediterraneo alla promozione dei diritti umani e del ruolo delle donne.
Ci sarà spazio anche per un confronto sulle rotte editoriali del Mediterraneo, sulla mitologia e i confronti tra i luoghi più caratteristici, che in qualche modo hanno determinato la storia del ''Mare bianco'', come viene chiamato nei Paesi arabi.
''La poesia italiana e siciliana ha alla base la poesia araba. Molte metaforizzazioni come quella del rapporto luna-donna amata, derivano tutte dalla poesia araba. E' importante quindi creare un momento per condividere quali sono i punti di contatto tra le lingue e le culture dei popoli che si affacciano su questo grande lago che è il Mediterraneo'' ha concluso Camilleri.

Agli incontri parteciperanno poeti, scrittori e intellettuali del Mediterraneo e dell'Unione allargata. Tra i nomi più significativi: Edwar al-Kharrat, scrittore egiziano, Farouk Mardam-Bey, intellettuale siriano, Hoda Barakat, scrittrice libanese, Ibrahim al-Koni, scrittore libico. Per l'Italia interverranno Paolo Matthiae, uno dei più grandi archeologi viventi, Salvatore Bono, docente di Storia e istituzioni dei paesi afro-asiatici, Stefano Malatesta, scrittore e giornalista. Chiuderà la quattro giorni un concerto della cantante israeliana Noa.

- Sabir, Circolo Mediterraneo di Conversazione

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 giugno 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia