Saldi anticipati o partirà il ''boicottaggio dei regali di Natale''

La ''minaccia'' del Codacons: o i saldi verranno anticipati al 15 dicembre, o partirà il boicottaggio

09 dicembre 2008

Dopo aver chiesto nel mese di novembre alla Regione Siciliana di anticipare i saldi al 15 dicembre, Francesco Tanasi, Segretario Nazionale Codacons, oggi lancia l'ultimatum: O I SALDI VERRANNO ANTICIPATI AL 15 DICEMBRE, O PARTIRA' IL BOICOTTAGGIO DEI REGALI DI NATALE.

"Non esiste alcuna giustificazione plausibile che impedisca di anticipare i saldi a dicembre - afferma Tanasi -. Un provvedimento che favorirebbe sia i consumatori, sia gli stessi commercianti, dal momento che le previsioni sui consumi sotto le feste sono tutt'altro che rosee. Se quindi il Premier Berlusconi esorta i cittadini dicendo 'comprate, comprate!' noi, qualora non venisse accolta la nostra richiesta di anticipare i saldi al 15 dicembre, li inviteremo a fare l'esatto opposto, ossia 'non comprate, non comprate!'".

L'idea del Codacons è quella di mettere in atto un vero e proprio "boicottaggio" dei regali di Natale, attraverso una campagna a tappeto su tutto il territorio per invitare i consumatori a rinunciare o ridurre gli acquisti relativi a regali e altri prodotti classici natalizi, rimandandoli a dopo le festività.
"Chiediamo un incontro urgente con il Presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e l'Assessore Regionale al Commercio Roberto Di Mauro - conclude Tanasi - al fine di far partire i saldi dal 15 dicembre, così da consentire una ripresa dei consumi a tutto beneficio dell'economia siciliana, permettere ai siciliani di acquistare regali senza dilapidare la tredicesima, e generare un incremento del giro d'affari dei negozianti".

- www.codacons.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 dicembre 2008

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia