Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

Salta l'accordo sul Grand Hotel delle Palme

Scontro frontale tra sindacati e il gruppo Acqua Marcia Turismo: "Sarà sciopero permanente"

21 gennaio 2014

Nessun accordo con l’azienda e allora sarà sciopero permanente, a partire da domani. È scontro frontale ormai tra sindacati e il gruppo Acqua Marcia Turismo spa, che conferma l’intenzione di chiudere il Grand Hotel delle Palme di Palermo e che - allargando la "riorganizzazione" anche al Grand Hotel Villa Igiea e l’Excelsior Hilton di Palermo, il Des Etrangers & Spa di Siracusa e l’Excelsior Grand Hotel di Catania - ha fatto partire la procedura di licenziamento collettivo per 134 dipendenti su un totale di 213.
Sciopero quindi dei lavoratori del gruppo che, da mercoledì mattina, e la protesta durerà a oltranza, effettueranno un sit-in davanti all’Hotel delle Palme e all’Excelsior.

"Le proposte dell’azienda non ci convincono, chiediamo al Prefetto la convocazione di un tavolo alla presenza della proprietà - dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia -. In ogni caso qualsiasi accordo dovrà passare dall’apertura dell’Hotel delle Palme e dal rilancio complessivo delle attività".
Dal canto suo Acqua Marcia ha richiesto all’Ufficio regionale del lavoro di essere convocata, assieme alle sigle sindacali, per il prosieguo della procedura di riorganizzazione delle strutture dopo che le stesse sigle si sono dichiarate contrarie alle proposte del gruppo. Lamentando nel triennio gravi perdite di gestione in quattro strutture su cinque (si salva solo Villa Igiea), nella lettera indirizzata all’Ufficio del lavoro e ai sindacati firmata dal presidente, Davide Franco, e dall’amministratore delegato Massimo Pacielli, Acqua Marcia conferma, oltre a una globale ristrutturazione per gli altri alberghi, anche la chiusura dell’Hotel delle Palme. "Questo albergo, definibile cittadino, ha fatto registrare performance non più accettabili - si legge -. Inoltre, un suo adeguato impiego, che consenta di gestire razionalmente i costi di una struttura di grandi dimensioni - obsoleta e necessitante di interventi strutturali di grande rilievo che comporterebbero notevoli investimenti - potrebbe essere realizzata solo con l’impiego di capitali ingenti dei quali non si dispone".

Per Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Sicilia, "addivenire a un accordo che segua le linee della proposta di Acqua Marcia, allo stato attuale, mi appare davvero improbabile. Siamo assolutamente contrari alle proposte del gruppo poichè avrebbero ricadute devastanti sui livelli occupazionali. È per tale ragione che a partire da domani si è organizzato lo sciopero permanente con sit in davanti al Grand Hotel delle Palme e l'Hotel Excelsior con l'auspicio che si possa arrivare, quanto prima, alla risoluzione positiva della vertenza nell'interesse dei lavoratori". [Fonte: Italpress - Corriere del Mezzogiorno]

- Grand Hotel et Des Palmes (Guidasicilia.it, 30/11/13)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 gennaio 2014
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia