Salvi i 102 lavoratori di Villa Igiea, Excelsior e Grand Hotel delle Palme

Nessun licenziamento per i dipendenti dei tre alberghi storici di Palermo

17 ottobre 2018
Salvi i 102 lavoratori di Villa Igiea, Excelsior e Grand Hotel delle Palme

Nessun licenziamento per i 102 lavoratori degli alberghi palermitani di Villa Igiea, Hotel delle Palme ed Excelsior. L'accordo per salvaguardare i dipendenti dei tre cinque stelle del gruppo Acqua Marcia, in concordato preventivo, arriva a poche settimane dall'acquisizione da parte dei nuovi proprietari, secondo quanto riporta palermotoday.it. Dopo diverse aste andate a vuoto, l'Excelsior è stato aggiudicato alla Luxury Private Properties, mentre il Grand Hotel delle Palme e il Grand Hotel Villa Igiea rispettivamente sono andati alla Argonauti srl e alla Rocco Forte & family.

Il Grand Hotel delle Palme - Palermo

L'anzianità di servizio sarà mantenuta, così come resteranno immutate le retribuzioni. E il trasferimento alle nuove società, secondo quanto stabilito dall'accordo, non intaccherà neppure il contratto che rimarrà quello collettivo del turismo. Saranno trasferiti inoltre anche tfr e rate di tredicesima e quattordicesima maturati. I sindacati hanno poi chiesto il mantenimento delle garanzie occupazionali per i dipendenti della società che operano in appalto nei reparti manutenzione e housekeeping. Il contratto è in scadenza a fine anno e la tutela di questo bacino passerà da un altro tavolo che sarà aperto a breve.

Hotel Excelsior Palermo

Sono 41 i dipendenti a Villa Igiea, mentre 37 all'Hotel delle Palme e 24 all'Excelsior, a cui si aggiungono i contratti a tempo determinato, gli stagionali e i tirocinanti. Solamente i 24 dell'Excelsior però formalizzeranno il passaggio già dal prossimo primo novembre. Gli altri 78, invece, dovranno attendere fino a gennaio perché sugli immobili - Villa Igiea e Hotel delle Palme - il ministero dei Beni Culturali ha il diritto di prelazione che può esercitare entro 60 giorni.

Grand Hotel Villa Igiea - Palermo

"I nuovi gruppi - spiega Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Sicilia - hanno dimostrato enorme interesse sia per le strutture acquisite che per il territorio palermitano e questo non può che essere volano di sviluppo anche per le attività dell'indotto e per quelle commerciali. Attenzioneremo molto fermamente l'operato di queste aziende affinché nessun posto di lavoro, anche atipico, possa essere perso - conclude la sindacalista - e far in modo che lo sforzo intrapreso da ogni dipendente in questi anni con la società uscente Acqua Marcia possa rappresentare un investimento e non una vana speranza". [Fonte: Travelnostop Sicilia]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 ottobre 2018

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia