Saranno restaurati i mulini di Scillato, pezzi di storia del paesino palermitano

Le acque dei torrenti Agnello e Gulfone rimetteranno in funzione le macine dei vecchi mulini

03 novembre 2003
Protagonisti indiscussi di mille anni di vita, di mille dibattiti sulla resa del grano, di mille speranze e di mille sofferenze, i mulini di Scillato (PA) torneranno in funzione. E' stato previsto, infatti, un programma di recupero di nove dei quattordici impianti presenti sul territorio. Le acque dei torrenti Agnello e Gulfone torneranno così a far girare le macine dei mulini del paesino siciliano la cui storia è legata a filo doppio all'acqua, che copiosa sboccava dalle sorgenti del Monte Fanusi.
Le sorgenti alimentavano poi i torrenti e così i mulini. Qui, i contadini, che nel frattempo avevano costruito le loro abitazioni in questa zona, a turno macinavano il loro grano.

Alcuni mulini sorgevano lungo le rive del torrente Agnello, i più antichi invece, lungo quelle del torrente Gulfone. Le strutture risalgono tutte alla fine dell' 800 e sono rimaste in funzione sino agli anni '50, epoca in cui Scillato era un centro industriale di una certa rilevanza. La storia è legata anche agli uomini, che hanno dato i loro nomi ai mulini: da za' Ciccia do' café, do' mastru Santu, Lo Forte, l'Asiniddaru, do' parrinu, Santu Ippolitu, a Lavanca, Calantoni, Paraturi, Rasu, Cipudda, Famunia Supranu, Famunia Suttanu.

Dei mulini, oggi,  rimangono solo poche testimonianze: alcuni sono stati sostituiti da abitazioni private, altri abbandonati sono ridotti a veri e propri ruderi, altri ancora, in discrete condizioni, hanno perso il loro uso originario per essere trasformati in garage e depositi. Negli ultimi anni, è andato crescendo l'interesse degli scillatesi verso i mulini, tanto da cominciare delle opere di recupero non solo degli edifici ma anche delle aree circostanti.
Celata dietro ogni rudere o dietro le mura delle abitazioni che in alcuni casi hanno preso il posto dei mulini infatti, c'è una  storia da raccontare.

Il mulino l'Asiniddaru (dal proprietario originario di Isnello (PA)) è uno dei meglio conservati. Sono ancora in buono stato non solo i locali ma anche alcuni elementi tecnici che servivano per far funzionare l’intero meccanismo.
In buono stato pure è il mulino Paraturi (prende il nome dall'attività di follare i tessuti - presare i tessuti dopo un bagno speciale -  che veniva svolta nel mulino). Si trova sull'antica Regia Trazzera Fichera, oggi piazza Cesare Terranova. Una parte di esso è adibito a garage e la restante parte completamente inutilizzata. Questo mulino, che è rimasto attivo fino al XIX secolo, è l'unico ad essere stato concepito al solo scopo di preparare le stoffe. Il mulino Rasu (dal nome dell'ultimo proprietario) si trova vicino la Chiesa Madre del paese È rimasto in funzione sino agli anni '60 ed è stato l'ultimo a cessare la sua attività.
Poi ci sono i mulini più antichi. Il Famunia Suttanu è il più grande tra quelli posti lungo il torrente Gulfone. Di esso si ha notizia già in un documento del 1196. È conosciuto anche come mulinu a cruci, per la presenza su un muro interno di un bassorilievo raffigurante una croce con la scritta "Alberum (INRI) Salutiferum". Oggi il mulino, in completo stato di degrado, è quasi del tutto sommerso da una folta vegetazione. Un altro mulino storico è il  Famunia Supranu anch'esso citato in documenti del XII secolo, adesso posto quasi sotto l'autostrada Palermo-Catania. Quest'ultimo è l'unico mulino di Scillato a presentare adiacente l'abitazione del mugnaio.

Per il recupero sono già pronti due progetti: il primo prevede il recupero della macchina a pale ubicata nel centro abitato, finanziato con fondi dell' assessorato regionale al Turismo, mentre l'altro riguarda il  mulino di contrada Parturi finanziato con i fondi del Parco delle Madonie. Gli altri sette, invece, dovrebbero rientrare nei finanziamenti dei Pit (Progetto integrato territoriale volto a favorire lo sviluppo del territorio). Per tutti è prevista la creazione di un percorso storico-antropologico da realizzare nell' ambito di una valorizzazione turistica del territorio. L'opera è stata appaltata dalla giunta municipale guidata dal sindaco Gaetano Nicchi. Una volta recuperati i mulini racconterannocon la loro muta presenza la storia di tempo passato che oggi non esiste più.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 novembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia