Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Scatta il countdown per Termini Imerese

Ex Fiat: sindacati in attesa dell'incontro al Minostero dello Sviluppo Economico

27 agosto 2012

Gli occhi adesso sono puntati al prossimo 15 settembre. Per quella data, infatti, è previsto un nuovo vertice al Ministero dello Sviluppo Economico sul futuro dell'ex stabilimento Fiat di Termini Imerese. Seduti attorno ad un tavolo a Roma si ritroveranno per l'ennesima volta i tecnici del ministero, le rappresentanze sindacali dei lavoratori della fabbrica, i delegati del Lingotto, la Regione siciliana ed Invitalia.

"Ci auguriamo che da quell'incontro - dice all'Adnkronos Roberto Mastrosimone, segretario provinciale della Fiom Palermo - emergano novità concrete ed interessanti. Al momento, al di la' delle voci che si sono rincorse negli ultimi giorni, non abbiamo notizie né ufficiali' né informali su nuovi gruppi interessati a subentrare alla Fiat".
Il riferimento del leader sindacale è all'annuncio che Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, l'agenzia nazionale del ministero dello Sviluppo economico per l'attrazione di investimenti e dello sviluppo delle imprese, ha fatto martedì scorso al meeting di Comunione e Liberazione di Rimini. "Come potrebbe non esserci qualche contatto per una situazione di crisi tra le più grandi e profonde che colpiscono il già vituperato mezzogiorno? Auspichiamo di fare presto" aveva detto rispondendo ai cronisti sulla situazione della fabbrica del palermitano.

"Quella di Termini - aggiunge Mastrosimone - è una vicenda che si trascina da anni e le soluzioni prospettate da Invitalia a Cimino a Di Risio si sono rivelate tutte non percorribili. Noi consideriamo come nostri interlocutori i tecnici del ministero e da loro ci attendiamo delle risposte e delle garanzie sul futuro occupazionale dei lavoratori dello stabilimento e dell'indotto".
"Apprezziamo l'impegno di Arcuri - ha detto poi Salvino Caputo, presidente della commissione Attività produttive dell'Assemblea regionale siciliana in quota Pdl - che in pieno agosto ci informa sugli sviluppi della vicenda Fiat. Peccato che ormai la fiducia di tutti noi sul ruolo e il lavoro di Invitalia riguardo la vicenda Fiat sia ridotta ai minimi termini. Ricordiamo ancora i mesi passati dietro Dr Motor e le interminabili riunioni romane. Preferiamo l'impegno del ministro Passera e del vice ministro De Vincenti e su loro facciamo affidamento".

Nell'ultimo incontro al Mise, a luglio, sul tavolo c'era l'ipotesi del colosso cinese Chery. Un'ipotesi in grado di dare una boccata d'ossigeno alla fabbrica e consentire all'imprenditore molisano Massimo Di Risio, patron della Dr Motor, di rientrare in gioco. "Se i cinesi hanno le risorse - dice ancora Mastrosimone - ben vengano. Il nostro auspicio e' che abbiano modelli concorrenziali sul mercato europeo, per non doverci trovare tra qualche anno di nuovo nelle stesse condizioni".
Anzi dai sindacati arriva una proposta: "Un vincolo per le aziende che ottengono risorse pubbliche ed acquisiscono professionalità già formate a restare in loco per almeno 10-15 anni" spiega il segretario provinciale della Fiom.

Intanto, però, dall'ultimo incontro al ministero, a luglio, un primo risultato è arrivato: la tutela per tutti i 640 esodati. Adesso i lavoratori attendono le garanzie sugli ammortizzatori sociali e il secondo anno di cassa integrazione anche per l'indotto. "C'è preoccupazione - ammette Mastrosimone -. Abbiamo bisogno di risposte immediate, non è più possibile tergiversare. Lo stabilimento di Termini è stato fra i più efficienti d'Europa. La qualità era altissima, lo ha detto la stessa Fiat. Questa gente merita delle garanzie" conclude Mastrosimone.
Eppure 42 anni di impegno sotto le insegne del Lingotto non sono bastati a scongiurare la chiusura dei cancelli. [Adnkronos/Ign]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 agosto 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia