Se in Italia si sta male... in Sicilia si sta peggio

L'Italia è ultima tra le sette grandi nazioni europee. E l'Isola soffre anche il gap infrastrutturale

28 ottobre 2010

Mentre l'Italia con l'1% di crescita dell'economia si colloca al penultimo posto nella classifica dei sette maggiori paesi europei, la Sicilia sta peggio e deve fare i conti anche con il gap infrastrutturale.
Il dato è emerso durante la presentazione della terza edizione delle Giornate dell'Economia che si terranno a Palermo dal 2 al 6 novembre.
"Occorre - dice Pietro Busetta, presidente della Fondazione Curella - cambiare profondamente l'Europa rinunciando a molti dei privilegi e delle prebende accumulate da una classe dirigente famelica e spesso parassitaria".
Alle giornate dell'Economia parteciperanno 150 relatori in rappresentanza della politica, dell'economia, della finanza, dell'istruzione, dei sindacati e delle imprese, si confronteranno analizzando la crisi economica e le conseguenze che ha generato nei vari ambiti.
La Fondazione Curella e il Diste Consulting, che hanno organizzato questo evento, faranno anche un bilancio, ad un anno di distanza, su quanto è stato attuato rispetto alle dieci idee per lo sviluppo della Sicilia e del Mezzogiorno proposte nella scorsa edizione in una sorta di "papello".
"La situazione economica della Sicilia - ha commentato l'assessore regionale all'Economia Gaetano Armao - impone rigorose misure di risanamento non più differibili. Le istituzioni regionali e locali hanno vissuto per troppo tempo al di sopra delle possibilità e adesso si vedono i risultati negativi". [La Siciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 ottobre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia