Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Secondo i dati Istat, ferma l'occupazione nelle grandi imprese. E' il boom della cassa integrazione

Lo scorso febbraio nelle grandi imprese si sono persi 14.000 posti di lavoro

03 maggio 2005

Lo scorso mese di febbraio l'occupazione nelle grandi imprese (con almeno 500 addetti) è diminuita al lordo della cassa integrazione dello 0,7% rispetto allo stesso mese del 2004, con una perdita di 14.000 posti di lavoro.
Rispetto a gennaio, invece, non si è registrata nessuna variazione. La comunicazione arriva dall'Istat, precisando che nell'industria sono stati persi 15.000 posti (-2%) e nei servizi ne sono stati guadagnati mille (+0,1%).
In tutte le grandi imprese, comprese cioè quelle dei servizi, il ricorso alla cassa integrazione a febbraio è stato pari a 13 ore per 1000 lavorate, con un aumento di 2,9 ore rispetto al febbraio 2004. Nell'industria l'aumento è stato più marcato: le ore di Cig sono state 30,7 ogni 1000 ore lavorate, con un aumento di 8,9 ore rispetto a febbraio 2004.
L'impennata, ha spiegato l'Istat, è dovuta in gran parte all'utilizzo della Cig nel comparto dei mezzi di trasporto.

I settori di attività economica. Le attività manifatturiere hanno registrato al lordo della cassa integrazione una diminuzione del 2,2%. Per le costruzioni il calo è stato dell'1,3% e per la produzione di energia elettrica, gas e acqua dello 0,5%. Tra le attività manifatturiere la diminuzione più marcata è stata quella dell'industria alimentare (-6%).

Nei servizi si sono registrati in prevalenza andamenti positivi dell'occupazione: l'aumento maggiore nel comparto alberghi e ristoranti (+5,9%), seguito dal commercio (+3,2%) e dalle altre attività professionali ed imprenditoriali (+1,9%). Mentre si registrano diminuzioni tendenziali nei comparti dell'intermediazione monetaria e finanziaria (-1,6%) e dei trasporti, magazzinaggio e comunicazioni (-1,5%).

Le retribuzioni lorde per dipendente nel totale delle grandi imprese sono aumentate dell'1,2% a febbraio, ma sono diminuite dell'1% nella media del bimestre.
Il costo del lavoro, sempre per dipendente, è aumentato dell'1% nel mese ed è diminuito dello 0,6% nel periodo gennaio-febbraio. La differenza di andamento (positivo a febbraio e negativo nel bimestre) - precisa l'Istat - è spiegato nella presenza a gennaio 2004 di incentivi all'esodo nell'industria e di premi e gratifiche nei servizi. 
(la Repubblica)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 maggio 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia