Sequestro da un milione di euro per il boss di Sciacca

La Dia di Palermo ha sequestrato beni mobili e immobili ad Accursio Dimino, ritenuto elemento di spicco della mafia agrigentina

12 ottobre 2010

La Direzione investigativa antimafia di Palermo ha sequestrato beni mobili e immobili per un valore complessivo di oltre un milione di euro riconducibili ad Accursio Dimino, 52 anni, detenuto, ritenuto elemento di spicco della Cosa nostra agrigentina. Insegnante a Sciacca (AG). Diminio, parallelamente all'attività lecita, reclutava nuovi affiliati da inserire in Cosa nostra.

Tra i beni sequestrati vi sono tre appartamenti a Sciacca, numerosi conti correnti bancari, libretti di deposito e titoli azionari, per un valore complessivo di oltre 60 mila euro. Il decreto è stato emesso dal tribunale di Agrigento, su proposta avanzata dalla procura della repubblica di Palermo.

Dimino già nel 1996, era stato condannato a 10 anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso, detenzione illecita di armi e danneggiamento. Prima di essere arrestato, la prima volta, nel 1993, insieme ai fratelli gestiva un'attività di commercio di prodotti ittici e faceva il docente di educazione fisica in diversi istituti scolastici statali. Scarcerato il 12 aprile 2004 e ritornato a Sciacca, Dimino, secondo gli inquirenti aveva ripreso i suoi contatti con i boss. Il 4 luglio 2008, è stato però di nuovo arrestato, nell'ambito dell'operazione "Scacco Matto", sempre con l'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, finalizzata ad acquisire la diretta gestione di attività economiche ed appalti di opere pubbliche nel settore edile e turistico-alberghiero, il controllo della fornitura di calcestruzzo, automezzi e manodopera specializzata.
Nell'indagine erano emersi scambi di "pizzini" tra Dimino e il boss latitante Matteo Messina Denaro. In quest'ultimo processo il 18 febbraio 2010 è stato condannato dal gup di Palermo ad 11 anni e 8 mesi di reclusione. [Informazioni tratte da Ansa, La Siciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 ottobre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia