Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Sette nuovi indagati per la strage di via D'Amelio

Dopo le scarcerazioni, la procura nissena puntao a dare un nome ai veri esecutori dell'eccidio del 19 luglio 1992

01 novembre 2011

Il telecomando che attivò l’ordigno che uccise il magistrato Paolo Borsellino, in via D’Amelio a Palermo, non fu azionato da Monte Pellegrino ma da dietro un muro del giardino di via D’Amelio. E soprattutto c’era un talpa nel palazzo della mamma del giudice, a piano terra, che controllava gli spostamenti di Borsellino che, secondo i pm, avrebbe il volto di Salvatore Vitale, uomo d’onore del clan Roccella condannato a dieci anni al "Borsellino bis" e all’ergastolo per l’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo.
Sono questi i punti fermi individuati dal pool del procuratore di Caltanissetta Sergio Lari, le cui indagini, scaturite anche dalle rivelazioni dei pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina, hanno portato alla scarcerazione di sei condannati (LEGGI) e all’individuazione di sette o più nuovi personaggi nella strage di via D’Amelio.

Come riportato dall’articolo di Salvo Palazzolo, nell'edizione palermitana di Repubblica, fra questi ci sarebbe anche Vittorio Tutino, che aiutò Spatuzza a rubare la 126. La Corte d’Appello di Catania ha sancito che prima della revisione del processo che ha condannato degli innocenti, ci vorrà la condanna per i veri sicari.
La nuova svolta nelle indagini ha permesso anche di sfatare l’ipotesi di un coinvolgimento di servizi segreti deviati che dal Cerisdi, su Monte Pellegrino, avrebbero attivato il telecomando. Questa fu infatti azionato da Giuseppe Graviano, nei pressi di via D’Amelio, nascosto dietro a un muro. Ma l’ipotesi formulata da Gioacchino Genchi è invece confermata dal pentito Angelo Fontana e, secondo quanto scrivono gli inquirenti, "soggetti esterni a Cosa Nostra potrebbero incidere sui tempi e le modalità di attuazione di una strage già programmata da parte dell’organizzazione mafiosa".

"E’ arrivato il momento in cui non si può più restare indifferenti. Potrebbe parlare qualcuno che appartiene alla criminalità organizzata o altri sistemi, alla società in generale. Credo e continuo a credere nella ricerca della verità. Come si può restare indifferenti dopo aver visto l’asfalto diventare rosso per il sangue dopo la strage di Capaci? O dopo aver visto i brandelli di carne del giudice Borsellino? La collaborazione serve da parte di tutti, specie dopo tanti anni, in cui spariscono misteriosamente le agende ed è più difficile trovare la verità".
Lo ha detto il procuratore nazionale Piero Grasso, intervenuto a Palermo a un incontro allo Steri intitolato "Giustizia e pentiti, ieri e oggi".
"Abbiamo bisogno di qualche spiraglio per approfondire le indagini – ha aggiunto Grasso – occorrono i riscontri, come abbiamo fatto con Spatuzza. Dopo l'omicidio Mattarella si è arrivati alla conservazione dell’esistente: è bastato un omicidio eccellente. E' un paradigma triste che purtroppo si ripete negli anni della nostra storia". [Informazioni tratte da ANSA, LiveSicilia.it, Lasiciliaweb.it]

Via d'Amelio, sette nuovi indagati per la strage
di Salvo Palazzolo (Repubblica/Palermo, 29 ottobre 2011)

In sei sono stati scarcerati fra giovedì e venerdì, perché nulla avevano a che fare con la strage Borsellino, ma già da mesi altri sette - e probabilmente anche qualcuno in più - sono indagati dalla Procura di Caltanissetta con l'accusa di aver organizzato ed eseguito l'eccidio del 19 luglio 1992.
Alcuni di loro sono in carcere, e scontano altre condanne: è il caso di Vittorio Tutino, che aiutò Spatuzza a rubare la 126. Alcuni sarebbero invece ancora liberi. E per il pool coordinato dal procuratore Sergio Lari è una corsa contro il tempo per cercare riscontri alle accuse fatte dai pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina.
Ecco dunque la prima scadenza che aspetta i magistrati di Caltanissetta: l'inchiesta sugli esecutori materiali della strage Borsellino. Se prima non ci sarà una condanna contro i veri sicari di via d'Amelio non potrà esserci la revisione del processo per gli otto innocenti, questo ha ribadito la Corte d'appello di Catania nei giorni scorsi. E se non ci sarà la revisione, difficilmente, potrà scattare il maxi risarcimento dello Stato per chi è stato ingiustamente in carcere per diciotto anni.

- LEGGI / L'intervista con l'ergastolano scarcerato

Il procuratore Sergio Lari non azzarda tempi per la conclusione dell'inchiesta. Ma di certo, ci sono già alcuni punti fermi che al di là dei nomi dei responsabili riscrivono buona parte della strage Borsellino. Buona parte, e non tutta, perché l'inchiesta di Caltanissetta non intacca la ricostruzione del processo Borsellino ter e di parte del Borsellino bis, che già avevano individuato le responsabilità dei boss di Brancaccio (nella fase esecutiva) e di quelli di Porta Nuova, Noce e San Lorenzo (nelle perlustrazioni fatte la mattina del 19 luglio).
Ecco i punti fermi, e inediti, che il procuratore Lari, i suoi aggiunti Nico Gozzo e Amedeo Bertone, i sostituti Nico Marino, Gabriele Paci e Stefano Luciani hanno messo nero su bianco nella memoria di 1139 pagine depositata alla Corte d'appello di Catania: c'era una talpa della mafia nel palazzo di via d'Amelio dove abitava la mamma di Borsellino, e occupava un appartamento a piano terra, un posto ideale per tenere sotto controllo i movimenti del giudice, ma anche per organizzare la sistemazione della 126 carica di esplosivo. Secondo i pm, la talpa sarebbe Salvatore Vitale, ufficialmente solo il gestore del maneggio "Palermitana equitazione salto ostacoli", in realtà era un uomo d'onore di Roccella molto vicino a Giuseppe Graviano, così ha spiegato Spatuzza. Vitale è stato già condannato a dieci anni, per mafia, al Borsellino bis, e poi all'ergastolo, per l'omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo.

Ecco un'altra certezza, secondo la nuova inchiesta: il telecomando fu azionato dal boss Giuseppe Graviano, che era nascosto dietro al muro del giardino di via d'Amelio. L'ha rivelato Tranchina, ex autista di Graviano. I pm cancellano dunque l'ipotesi che il commando fosse appostato al Cerisdi, il castello di Monte Pellegrino ritenuto sede di un qualche servizio deviato. Scrive Lari: "Le indagini svolte hanno fatto concludere per l'infondatezza della ricostruzione avanzata dal dottor Genchi, che appare una delle tante 'ipotesi investigative' prive di riscontro che vengono poi recepite sui mass-media come se fossero verità acquisite e che, invece, lungi dal fare emergere la verità, la coprono di una ulteriore cortina fumogena".
Ma attorno al Cerisdi restano altri misteri: i sospetti di Genchi sono stati confermati dal pentito Angelo Fontana, ex boss dell'Acquasanta ("Vincenzo Galatolo mi disse che Gaetano Scotto andava verso l'Utveggio per incontrare persone dei servizi"). Scotto è fra gli scagionati della strage, ma i pm di Caltanissetta hanno aperto comunque un nuovo fascicolo d'indagine, che è parallelo ad un altro delicato capitolo già all'esame della Procura, quello relativo alla scomparsa dell'agenda di Borsellino. Scrivono i pm: "L'eventuale ruolo di soggetti esterni a Cosa nostra potrebbe incidere sui tempi e le modalità di attuazione di una strage già programmata da parte dell'organizzazione mafiosa". Ma i servizi deviati restano ancora solo un'ombra.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 novembre 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia