Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Siamo a mare...

E' nato appena ieri e già tutti si ricorderanno del governo Berlusconi Bis come del ''Governo balneare''

27 aprile 2005

La fiducia a Berlusconi è stata data, quindi il Berlusconi Bis con i suoi 63 sottosegretari e i suoi 9 viceministri può ricominciare il discorso interrotto qualche settimana fa dal ''vecchio governo''.
Vogliamo però soffermarci a parlare dell'entrata ad effetto di uno dei nuovi vicepresidenti, che abbiamo imparato a conoscere abbastanza bene nella prima legislatura, il vecchio ministro del Tesoro Giulio Tremonti, ora vicepresidente del Consiglio.
La sparata della vendita della spiagge per far risalire la china all'economia italiana, e in particolar modo a quella del Meridione, come sappiamo ha istantaneamente scatenato l'aspra critica dell'opposizione nonché l'ira funesta di molte parti della maggioranza. Commenti tra l'ironico e il preoccupato sono, insomma, arrivate in maniera bipartisan, uno dei rari momenti nel quale si è vista la maggioranza e l'opposizione in accordo. Qualcuno della Casa delle libertà ha addirittura detto che se questo è il modo con il quale si intende incominciare un nuovo cammino governativo, questo neogoverno avrà vita breve, anzi brevissima.
Ma è ovvio, e qui qualcuno ha fatto la parte di chi vuole toccare il polso della situazione per attuare la miglior strategia, che Tremonti non stava dicendo sul serio e l'idea balneare non è stata altro che una provocazione, ''quindi lasciamo cadere il discorso - lo ha detto il ministro Alemanno durante il programma Ballarò - e cominciamo a parlare di cose serie''.

Certo, lasciano il segno proposte del genere, e in particolare quando a farle sono persone poco inclini allo scherzo e fatte in un momento tanto precario. Lasciano profondi segni di perplessità, e la seria riflessione diventa obbligatoria.
Perplesso è rimasto, fra i tanti, anche Paolo Mezzio, segretario della Cisl Sicilia, che così ha commentato: ''Qualche tempo fa dicevamo che certe azioni del governo, nazionale e regionale, fanno pensare a chi lavora per vendere agli italiani 'mezza Fontana di Trevi'. Ma la nostra era solo ironia... E' incredibile. Ci hanno preso sul serio''.
Solo provocazione, quindi, tiene a sottolineare qualcuno, ma un progetto ultimato proprio negli ultimi giorni dalla ''Patrimonio Spa'' fa pensare invece che la bislacca proposta di vedere le spiagge italiane, non è poi tanto una semplice provocazione. 
Lo studio operativo per vendere le spiagge è stato elaborato, come detto, dalla società Patrimonio Spa, controllata dal Ministero del Tesoro, cui spetta il compito di valorizzare le risorse immobiliari e artistiche dello Stato, guidata da Massimo Ponzellini.
E' stato ultimato nei giorni scorsi e proposto tra le varie opzioni da inserire nella Finanziaria 2006. Riguarda la valorizzazione delle 12 mila concessioni demaniali, affidate ad altrettanti operatori e ditte balneari, in parole povere bagnini e stabilimenti, con tanto di cabine e ombrelloni.

La Patrimonio Spa ha quindi pensato di avanzare un'opzione agli operatori balneari, che attualmente hanno concessioni della durata media di sei anni, in modo di allungare il periodo di concessione a circa 50 anni. Non si tratterebbe dunque di una vendita (come ha precisato ieri lo stesso Tremonti) ma di un aumento di durata e canoni che sarebbe attuato, operativamente, dal ministero delle Infrastrutture e dall'Agenzia del territorio (cioè il vecchio demanio). La proposta, che si ispira a quanto è stato fatto in Gran Bretagna, potrebbe essere accolta con favore dai bagnini che sarebbero posti nella condizione di fare investimenti con un orizzonte temporale più ampio e con maggiore certezza.
Le stime elaborate dalla Patrimonio Spa, valutano che se solo la metà dei 12 mila operatori accogliesse l'offerta del Tesoro, l'incasso per l'erario sarebbe a regime di 4-5 miliardi di euro. A questo punto interverrebbe la parte finanziaria, e creativa, del meccanismo: gli incassi futuri di tutte le concessioni verrebbero cartolarizzati, cioè si chiederebbe un anticipo ad una serie di operatori finanziari che a propria volta emetterebbero obbligazioni sul mercato per reperire le risorse da fornire all'erario. L'incasso già dal 2006 sarebbe di 2-3 miliardi di euro e potrebbe essere computato tra le entrate della prossima Finanziaria. Le risorse, si spiega infine, non andrebbero a riduzione del debito ma sarebbero impiegate al Sud per realizzare infrastrutture e per migliorare l'assetto delle coste.

Bisogna dire che l'idea di Tremonti non è stata malamente criticata da tutti, infatti gli operatori del settore hanno accolto con discreto favore la proposta del vicepremier. ''Prendiamo atto con piacere - ha affermato Riccardo Borgo, presidente del Sib, il sindacato italiano balneari che aderisce alla Confcommercio e che associa circa 10 mila imprese balneari - del fatto che il governo intenda affrontare il problema del rilancio del turismo italiano''. Ma per il Sib è necessario che ogni decisione venga presa dopo un confronto ''serio e serrato'' con la categoria. ''In linea di principio - sottolinea Borgo - siamo disponibili a fare un ragionamento sulla vendita delle spiagge, o almeno di quelle occupate da strutture turistiche, ma non vogliamo che si dia il via a vendite all'asta. Questo ci preoccuperebbe molto. Abbiamo investito anni di vita e di lavoro e, se si tratta di trovare il giusto prezzo, noi siamo molto interessati''.
Dell'avviso opposto invece la reazione della Confesercenti: ''Dopo aver lanciato l'aumento del 300% dei canoni demaniali, che sta già mettendo in ginocchio centinaia di imprese balneari - evidenzia il presidente, Marco Venturi - l'ex ministro dell'Economia ha ora estratto una nuova trovata dal cilindro''.
Per la Confesercenti il rischio è che le piccole imprese siano costrette a lasciare spazio alle grandi multinazionali non potendo, nella maggioranza dei casi, affrontare un costo che si annuncia un ''salasso secolare''.

L'idea di Tremonti è stata bocciata anche da Maurizio Melucci, vicesindaco di Rimini, una delle mete balneari italiane per antonomasia, con una spiaggia in gran parte occupata da bagni e stabilimenti affidati in concessione ai privati: ''E' un progetto demenziale''. Il vicesindaco chiede che il governo pensi piuttosto ad interventi sulle infrastrutture al Nord, quelle su cui si riversano i principali flussi turistici dall'estero, giudicate carenti. Negativi anche i commenti dell'assessore al turismo di Taormina, Mauro Passalaqua, che parla di ''proposta assurda'', e del sindaco di Capri, Ciro Lembo, che si dice ''sbalordito'', entrambi favorevoli al mantenimento delle spiagge libere.
Sul tema sono intervenute anche le Regioni: la giunta regionale della Sardegna si dice pronta a comprarle le proprie spiagge, ma non per speculare sulla rivendita delle concessioni, bensì per metterle sotto tutela; l'assessore al Turismo della Sicilia, Fabio Granata per replicare al vicepremier, risponde a tono citando il grande Totò: ''Ma ci faccia il piacere...''.
Granata a Tremonti lancia anche un messaggio: ''Noi vogliamo costruire un progetto su un turismo di qualità. Se lui vuole vendere qualcosa, venda qualche pezzo della Padania''.

La proposta è considerata ''senza senso'' da Legambiente, che parla di ''provocazione di pessimo gusto''. Italia Nostra ritiene invece che ''il ritorno di Tremonti al governo segna una nuova stagione di follia e di irresponsabilità nei confronti del patrimonio culturale e ambientale italiano''.
Il Codacons la butta sull'ironia e si chiede ''perché non vendere oltre alle spiagge anche il mare?''.
E un commento giunge anche dal Vaticano. L'Osservatore romano, l'organo della Santa Sede, in un titolo parla di ''stravagante ipotesi di Tremonti''.


- ''I tentativi di alienare i beni demaniali''. Una scheda del WWF

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 aprile 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia