Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Sicilia all'Idrogeno

Un futuro possibile e auspicabile per l'economia industriale e l'impiego siciliano

31 gennaio 2004
La situazione della Fiat sembra essersi, in qualche maniera (Beppe Grillo sostiene che i debiti di Parmalat in confronto a quelli di Fiat sono centesimi, ndr) , ripresa. Mentre svariate categorie sono in rivolta e i lavoratori (e risparmatori) Parmalat ansimano guardando il loro futuro, dopo il 2003 la situazione finanziaria di Fiat è sotto controllo, il piano di rilancio sta procedendo a ritmi sostenuti ed i nuovi modelli incontrano i gusti del pubblico.
L'azienda torinese alla Sicilia ha dato una bella e prestigiosa responsabilità, quella cioè di produrre una delle automobili italiane accompagnate da un grande successo di vendite, gli ultimi modelli della Lancia Ypsilon 
Un traguardo di precise scelte aziendali, che puntano esclusivamente sulla fabbricazione di auto, macchine di movimento terra e veicoli industriali, dismettendo partecipazioni in settori diversi come le assicurazioni, il credito al consumo o l'aeronautica.
 
Ovviamente il restante mondo del mercato automobilistico non si gira certo i pollici.
La diffusione delle auto diesel, giunti al 40% del mercato europeo, ha impegnato diverse case automobilistiche nella ricerca tecnologica del common rail, e non bisogna dimenticare, che proprio questa  tecnologia è stata realizzata per la prima volta al mondo da Fiat.
Un altro modo di agire dei "mercanti automobilistici" è quello del lancio di nuovi modelli. Anche in questo campo la Fiat, sepre nell'ambito delle sopra citate precise scelte aziendali, si da da fare, infatti entro il 2006 ne ha annunciato ben quattordici.
Un rallentamento si ha invece nei processi di fusioni ed acquisizioni tra case costruttrici. Oggi in prevalenza vengono attuate le sinergie fra le case, che riducono sensibilmente  i costi.
Inoltre si ha l'impressione che i rapporti con gli Stati Uniti siano cambiati. Gli Usa perdono quote di mercato, e gli europei ed i giapponesi sono in decisa ripresa.

Di fronte a questo "global scenario", gli esperti ritengono che i produttori più a rischio siano quelli la cui produzione di punta si colloca attualmente tra gli 8 ed i 25 mila euro. Come dire Fiat.
Quindi, come si prepara la Fiat a questa competizione, mentre si allontana l'ipotesi che General Motors rilevi l'azienda torinese?
Dopo il coup de théâtre della tecnologia common rail per i diesel, la Fiat sembra guardare alle auto ad idrogeno. Queste auto rappresentano sicuramente il futuro ed in questa direzione la Sicilia ha tutti i presupposti per inserirsi bene, con un orizzonte temporale lungo ma anche medio.
Si tratta di un gas pulito (la combustione produce solo vapore acqueo) che garantisce prestazioni analoghe a quelle che oggi chiediamo alle nostre auto. Dopo i primi prototipi di Seicento ad idrogeno arriva ora la Panda Hydrogen che dal 2005 comincerà a marciare all'interno di una piccola flotta sperimentale di auto ad idrogeno voluta dalla regione Lombardia (Perché la Sicilia è sempre assente in iniziative simili?).

Non è tutto così semplice però, ci sono, inaffati, problemi pratici e tecnici per creare la rete di distributori. Non è tutto così semplice ma non impossibile, se pensiamo che l'idrogeno costa assai meno del petrolio. Persino arabi e petrolieri investono sulla ricerca sull'idrogeno.
Pochi giorni fa Romano Prodi, presidente della Commissione UE, ha insediato a Bruxelles una "piattaforma europea per l'idrogeno", muovendo dall'assunto che la dipendenza europea dall'import di petrolio salirà al 70 per cento nel 2025. E' il futuro quindi che chiama l'idrogeno, e in questo probabile futuro all'idrogeno ci potrebbe essereanche la Sicilia.

L'Itae (istituto di tecnologie avanzate per l'energia "Nicola Giordano" del Cnr di Messina), ha partecipato alla realizzazione della prima auto italiana ad idrogeno e costituisce "una prima linea, a livello internazionale, nella ricerca su questa potenziale alternativa all'egemonia degli idrocarburi".
La sfida lanciata non riguarda solo le automobili; alcune aziende siciliane puntano attraverso l'idrogeno all'autosufficienza energetica, infatti.
Grazie ad un protocollo d'intesa tra Regione Sicilia e Ministero Ambiente saranno presto realizzati dieci nuovi laboratori nella parte sud di Messina. Sarebbe questo un modo eccellente per impegnare le risorse pubbliche.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

31 gennaio 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE