Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Sono circa ottantamila i turisti italiani che ogni anno visitano il Castello di Lombardia e la Rocca di Cerere

01 giugno 2005

Sono ottantamila i turisti italiani e stranieri che in un anno visitano il Castello di Lombardia e la Rocca di Cerere. Un dato che è stato raccolto dal settore turistico della Cgil, la quale, da qualche tempo a questa parte, sta studiando con particolare attenzioni i movimenti turistici in provincia di Enna, ritenendo che il turismo possa essere una delle aziende più produttive del territorio, sempre che si sia in grado di incanalarlo nel giusto alveo.
Il dato è impressionante e dovrebbe fare riflettere molte istituzioni che sono legate direttamente o indirettamente al Castello di Lombardia, il quale continua a rimanere in uno stato di degrado e di completa astinenza turistica visto che il turista che arriva all'interno del Castello non trova praticamente niente e nessuno; non ci sono custodi, i quali aprono il cancello la mattina e poi vanno via, non ci sono guida, non c'è materiale pubblicitario; nella sostanza i turisti sono abbandonati a se stessi, vi sono quelli ''fai da te'' che portano dalle loro città il materiale necessario per visitarlo. All'arrivo non sanno che a poche centinaia di distanza vi sono il Duomo, il museo Alessi, il museo archeologico, hanno difficoltà a trovare i servizi igienici, non c'è un posto di ristoro, non c'è qualcuno che possa indirizzarli verso il centro storico.

''Il Castello di Lombardia e la Rocca di Cerere vanno valorizzati, assistiti per tutto l'anno - ha dichiarato SigfridoRocca di Cerere Fadda, responsabile del settore turismo della Cgil - non è possibile che migliaia di turisti arrivano ad Enna per visitare Castello e Rocca di Cerere e vengono abbandonati a se stesse. Invece, questi turisti vanno accuditi, ospitati, ricevuti al meglio, poi per accedere al castello, anche se pagano un euro come biglietto d'ingresso non fa niente. Con gli incassi si possono pagare le guide, quindi migliorare l'interno del castello con la pulizia, la sistemazione di aiuole con fiori''.

Gli scavi effettuati dalla Soprintendenza ai Beni Culturali hanno consentito di portare alla luce reperti archeologici di una certa importanza, che potrebbero essere messe ''in visione'' ai turisti.
Sul Castello di Lombardia, dunque, si sta registrando un certo movimento per cercare di renderlo vivibile, per cui si aspettano interventi di Comune e Provincia per cercare di eliminare tutti gli inconvenienti che si registrano quotidianamente.

Fonte: ViviEnna.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 giugno 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia