Sparatoria durante un comizio in Arizona

Uccise cinque persone. Colpita gravemente la deputata democratica Gabrielle Giffords

10 gennaio 2011

Sabato scorso a Tucson, in Arizona, nel corso di un evento pubblico, un uomo ha aperto il fuoco uccidendo diverse persone. Colpita alla testa, da distanza ravvicinata, Gabrielle Giffords, parlamentare democratica della Camera dei rappresentanti.
La Giffords, data per morta in un primo momento dai media americani, è stata ricoverata d'urgenza alla Clinica Universitaria di Tucson in gravi condizioni. Da ieri è in coma artificiale. Il coma, ha spiegato Darci Slaten, portavoce della clinica, durerà alcuni giorni e servirà a "determinare se il cervello continua a funzionare bene".

La parlamentare stava partecipando a un evento pubblico di fronte a un supermercato quando è avvenuta l'aggressione. Clarence Dupnik, lo sceriffo della contea, ha detto che il responsabile, il ventiduenne Jared Loughner, è stato arrestato. Per sparare sulla folla uccidendo cinque persone tra cui il giudice federale John M. Roll, e ferendone almeno 11, ha usato una pistola Glock 19 legalmente acquistata il 30 novembre scorso a Tucson. Gli inquirenti stanno indagando su un secondo sospetto che potrebbe esser coinvolto nell'attentato.
Un atto "insensato e terribile". Così il presidente Usa Barack Obama ha commentato l'attacco a colpi d'arma da fuoco. "Questa mattina - si legge in una dichiarazione del presidente - in un'indicibile tragedia, alcuni americani sono stati colpiti a Tucson, Arizona. Mentre continuiamo a ricevere informazioni, sappiamo che alcuni sono deceduti, e la deputata Giffords è gravemente ferita". In questo momento, afferma ancora Obama, "non abbiamo ancora tutte le risposte. Quel che sappiamo è che un simile insensato, terribile atto di violenza, non ha alcun posto in una società libera. Chiedo a tutti gli americani di unirsi a me e Michelle nel mantenere nelle nostre preghiere la deputata Giffords, le vittime di questa tragedia e le loro famiglie".
Il leader della maggioranza repubblicana alla Camera, Eric Cantor, ha annunciato che sono stati posticipati di una settimana tutti i lavori parlamentari in seguito al tragico attentato di Tucson.

Gabrielle Giffords, 40 anni, sposata con l'astronauta della Nasa Mark Kelly, viene definita una "star in ascesa" dal sito Politico.com tutto dedicato alla politica di Washington. La donna, madre di due figli, era al suo terzo mandato, l'evento in cui è stata ferita era il primo dopo la sua rielezione al Congresso lo scorso novembre. E' la terza donna nella storia dello Stato dell'Arizona a vincere uno scranno al Congresso.
La Giffords è considerata una 'centrista': vuole l'aumento del salario minimo, è impegnata su questioni di immigrazione, appoggiando programmi di integrazioni per migranti e per la legalizzazione dei clandestini, ma anche il rafforzamento delle frontiere del paese. Si definisce "al 100%" a favore della libertà di aborto, e ha votato a favore dell'incremento dei fondi della ricerca sulle cellule staminali di origine embrionale. E' critica sulla legge di Barack Obama 'No Child Left Behind' (nessuno bambino deve restare indietro), in quanto a suo avviso non finanziata adeguatamente. La parlamentare si è adoperata per i diritti dei possessori di armi e si è opposta fermamente alle proposte di limitazioni in proposito. Nei giorni scorsi è stata intervistata dalla Fox News su un progetto di legge per tagliare del 5% i salari dei parlamentari Usa.
Secondo il New York Times, non è la prima volta che la politica viene aggredita. Nel 2009, sempre durante un evento del 'Congress at your corner', un uomo era stato bloccato dalla polizia dopo che la sua pistola era caduta sul pavimento del supermercato dove si stava svolgendo l'incontro. Lo scorso marzo, l'ufficio di Tucson di Giffords era stato oggetto di vandalismo poche ore dopo che la Camera dei rappresentanti aveva votato sul sistema sanitario nazionale. [Adnkronos/Ing]

- Nella città dell'orrore spunta lo spettro dei razzisti di Federico Rampini

- Jared, il pistolero d'Arizona figlio del clima dell'odio di Vittorio Zucconi

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

10 gennaio 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia