Stop alle doppiette siciliane!

Il TAR di Palermo ha sospeso il calendario venatorio 2010-2011 in Sicilia

20 luglio 2010

Sospeso il calendario venatorio 2010-2011 in Sicilia. Lo ha stabilito il TAR di Palermo, nell’ordinanza del 16 luglio scorso, accogliendo il ricorso di Legambiente Sicilia e dell’Associazione Mediterranea per la Natura di Messina.
Le due associazioni, rappresentate e difese in giudizio dagli avvocati Corrado V. Giuliano, Nicola Giudice e Giovanni Crosta, dello Studio legale Giuliano, avevano contestato al Presidente della Regione, agli Assessorati regionali Risorse Agricole e Alimentari, e Territorio e Ambiente, e al Servizio Protezione e Patrimonio naturale, le decisioni assunte sulla regolamentazione dell’attività venatoria nella regione per l’annata 2010 -2011 e sul Piano Regionale Faunistico Venatorio 2006-2011. Legambiente e l’Associazione Mediterranea hanno obiettato che il Calendario venatorio 2010-2011, come stabiliscono le leggi in materia, non è stato sottoposto a preventiva valutazione di incidenza e alla verifica di coerenza con i piani di gestione dei Siti Natura 2000.
Natura 2000 è il sistema organizzato di aree (siti) destinate alla conservazione della biodiversità presente nel territorio dell'Unione Europea, ed in particolare alla tutela di habitat e di specie animali e vegetali rari e minacciati. L'individuazione dei siti è stata realizzata in Italia da ciascuna Regione con il coordinamento del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Secondo l’ordinanza del TAR, le decisioni assunte dagli Assessorati competenti oltre a non rispettare le misure di conservazione fissate per i Siti Natura 2000, avrebbero messo in serio pericolo specie animali soggette a tutela. Non prevedono infatti il divieto di caccia lungo le rotte di migrazione dell’avifauna e nei valichi montani, mentre consentono la caccia anticipata agli uccelli migratori nelle isole Egadi; il prelievo venatorio della lepre e della beccaccia (contro il parere dell’ISPRA), la caccia degli ungulati (animali muniti di zoccolo) nelle zone protette; ed estende i termini dell’attività venatoria nei pantani della Sicilia sud-orientale.
L’ordinanza del TAR di Palermo rappresenta, dunque, una pronuncia importante in favore della tutela delle specie animali protette e delle norme che disciplinano la gestione dei Siti Natura 2000 e le attività venatorie in Sicilia. [SiciliaInformazioni.com]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 luglio 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia