Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Sul casolare che potrebbe essere stata la ''prigione

'Caso Denise': polemica per il mancato sequestro di un casolare a Villagrazia di Carini

23 febbraio 2010

Una casa di campagna a Villagrazia di Carini, nel Palermitano, potrebbe essere stata la "prigione" della piccola Denise Pipitone, la bimba scomparsa il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo mentre giocava davanti casa.
Il casolare, dove stamattina avrebbe dovuto svolgersi un accertamento tecnico irripetibile, è stato mostrato ieri sera dalle telecamere della trasmissione televisiva "Chi l’ha visto?". La casa è stata localizzata, in base a una consulenza tecnica depositata dalla parte civile, seguendo le tracce telefoniche del cellulare di Anna Corona, mamma di Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise. La signora è indagata per sequestro di minorenne, mentre la figlia è già stata rinviata a giudizio per concorso nello stesso reato.

L’accertamento, rinviato all’ultimo momento, doveva servire per individuare eventuali tracce biologiche della presenza della bimba. L’immobile non è sotto sequestro, come ha confermato la giornalista del programma televisivo che ha detto di avere visto alcune persone entrare e uscire dalla casa.
Tutta la vicenda ha scatenato una dura polemica. La madre della bimba, Piera Maggio, ha detto di voler chiedere subito spiegazioni sulla vicenda al questore di Trapani Giuseppe Gualtieri. Durissima la reazione del suo legale, l’avvocato Giacomo Frazzitta: "Ho appreso solamente questo pomeriggio (ieri pomeriggio, ndr) alle 18 che era stato disposto un accertamento tecnico irrepetibile, da me stesso sollecitato. Ho appreso inoltre della revoca dello stesso accertamento disposta dalla Procura, in seguito alla riserva di incidente probatorio presentata dall’avvocato Arianna Rallo che ne ha provocato il differimento". L'avvocato Frazzitta ha definito la vicenda "estremamente grave, visto che è previsto dal codice che la persone offesa venga avvisata". "Inoltre - ha aggiunto il legale - avevamo comunicato già da diverso tempo alla Procura di Marsala di avere nominato come consulente tecnico di parte per questi accertamenti il generale Lucano Garofano, già comandante del Ris di Parma".

"Il casolare di cui parla la signora Maggio è stato sequestrato fino al luglio del 2008, poi è stato dissequestrato. Anche perché si tratta di un vecchio casolare senza tetto, quali eventuali tracce biologiche si dovrebbero trovare?". Lo ha detto all'Adnkronos il Procuratore capo di Marsala (Trapani), Alberto Di Pisa, replicando così a Piera Maggio.

[Informazioni tratte da ANSA, LiveSicilia.it, Adnkronos/Ing]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

23 febbraio 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia