Sul negativo radicamento dell'archetipo maschile all'interno del mondo economico-lavorativo

14 luglio 2007

Il ''serbatoio lavorativo femminile'' offre un alto e qualificato tasso di scolarizzazione, per questo motivo gli studi professionali tengono sempre più conto di un così prezioso bacino di risorse. All'accresciuta presenza femminile negli studi legali (35-40%), in quelli medici (55-60%) e in quelli amministrativi (25-30%), (rimane bassa la rappresentanza (16-19%) nell'area tecnica degli ingegneri, architetti e geometri), non fa però riscontro un'adeguata organizzazione del lavoro, che continua a fondarsi ancora su ''archetipi maschili'' distanti dalle esigenze delle donne.
Da una recente ricerca portata avanti da Fondoprofessioni veniamo a conoscenza di come ancora sia radicato l'atteggiamento di rigidità nei confronti delle donna in carriera, ed una consequenziale marginalizzazione di queste. Esiste, quindi, l'esigenza di ripensare le regole e andare verso una nuova organizzazione che rispetti l'identità-diversità femminile rispetto all'uomo. Una riorganizzazione che favorirebbe un sensibile miglioramento nel mondo delle professioni, bisognosi per loro intrinseca conformazione, di innovativi modelli sociali.

L'impiego delle risorse femminili e la capacità di farne tesoro, in Italia ancora basso come abbiamo detto, cambia e si impoverisce col cambiare delle Regioni. Anche in questo caso sono le regioni del Sud che soffrono maggiormente della mancanza ''rosa'' nell'ambito professionale e del mondo lavorativo in generale. Prendendo come esempio (negativo purtroppo) la Sicilia, constatiamo che nel territorio insulare l'occupazione delle donne è ancora bassissima: il 28,2%. Il dato viene fuori da una ricerca condotta ultimamente dell'Università di Palermo. ''Il dato è inferiore rispetto alla media del Mezzogiorno (30%) e d'Italia (45,3%). Tra le cause, una scarsa offerta di servizi pubblici e privati che possano aiutare la donna nella conciliazione lavoro-famiglia'', ha spiegato Vincenzo Lo Jacono, professore di Statistica economica. Per illustrare la situazione e individuare possibili risoluzioni è stato messo a punto e presentato il progetto ''Alfa'' finalizzato alla ricerca di un aiuto concreto per conciliare lavoro e famiglia.
Il progetto, finanziato dal dipartimento Formazione professionale dell'assessorato regionale al Lavoro e affidato a Italia Lavoro, prevede per la popolazione femminile che lavora l'erogazione di voucher di conciliazione spendibili in servizi residenziali e non (asili, case di riposo, servizi diurni per disabili e assistenza domiciliare).

Il professor Lo Jacono ha realizzato una ricerca, basata su interviste a circa ottomila donne siciliane, per evidenziare le difficoltà che le ''ostacolano'' nell'inserimento lavorativo. ''Le siciliane devono ancora fronteggiare - ha spiegato ancora Lo Jacono - i problemi connessi alla conciliazione degli impegni familiari e lavorativi. La limitata partecipazione alle attività economiche deve attribuirsi a due fattori: i modelli socio-culturali che spingono la donna ad assumersi la gestione domestica e la percezione che i servizi pubblici sono numericamente insufficienti, poco flessibili in termini di orario e di servizi offerti''.
Secondo l'indagine, il 94% dichiara di avere da uno a tre figli ''per l'assistenza dei quali - ci dice la ricerca - ci sono pochi servizi comunali o privati, laboratori ricreativi e strutture di appoggio. Circa il 12% di donne con figli dice di occuparsi anche di persone bisognose di cure, come anziani (circa il 50%)''.
Anche in questo caso, dunque, la problematica principale rimane quella di una marginalizzazione strutturale nell'organizzazione del mondo del lavoro, che impedisce l'inserimento della donna nell'importante porzione sociale economico-lavorativa.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 luglio 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia