Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Sulla "regia istituzionale romana" dietro l'omicidio De Mauro

Massimo Ciancimino ha riportato in un'audizione al processo De Mauro le confidenze che gli fece il padre

20 novembre 2010

Gli omicidi dell'ex Procuratore capo di Palermo Pietro Scaglione e del giornalista Mauro De Mauro "avevano un'unica regia. Era arrivato un input da ambienti istituzionali romani". Sarebbe quanto sostenuto dall'ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino, secondo quanto riferito ieri dal figlio Massimo, nel corso della sua deposizione al processo per l'omicidio De Mauro nell'aula bunker dell'Ucciardone a Palermo.
A volerlo come teste 'assistito' è stato il pm Sergio de Montis dopo le dichiarazioni rese lo scorso ottobre davanti ai pm da Ciancimino secondo il quale "la mafia ebbe solo il ruolo di manovalanza nell'eseguire omicidi eccellenti in realtà commissionati da ambienti istituzionali romani". Tra questi anche il delitto del giornalista de 'L'Ora'.
Parlando, in particolare, dell'omicidio del magistrato, amico di famiglia dei Ciancimino, Massimo Ciancimino spiega: "Mio padre rimase molto sorpreso per l'omicidio Scaglione, perché negli ambienti mafiosi era noto lo spessore dei loro rapporti". Secondo Ciancimino junior, il padre Vito, "si era sentito in un primo momento in colpa per l'omicidio perché era convinto che Scaglione sarebbe stato ucciso perché non aveva voluto riesaminare il processo a Luciano Liggio. Si sentiva responsabile".
Poi, invece, sarebbe stato il boss Bernardo Provenzano, durante un colloquio con Vito Ciancimino, a spiegare all'ex sindaco "con un sorriso", come dice Massimo Ciancimino: "Chiedi ai tuoi amici romani, noi abbiamo solo eseguito degli ordini".

Alla domanda del pm se il padre Vito conoscese il giornalista Mauro De Mauro, il figlio ha risposto: "Mi raccontò che lo conosceva e che non ne aveva molta stima, ma come giornalista. Soprattutto perché lavorava per il giornale 'L'Ora', quindi mio padre mi diceva sempre che si teneva ben lontanao dalla razza dei giornalisti". Quindi parlando della conoscenza di Don Vito con l'ex ministro dell'Interno palermitano Attilio Ruffini ha detto: "Era un uomo mite ricordo che spesso si sfogava con mia madre per come lo trattava mio padre. L'ho visto più volte a casa mia", come l'ex ministro Franco Restivo.
"Mio padre non aveva rapporti idilliaci con Totò Riina, diceva sempre che Riina aveva un carattere irruento e irascibile, uno che agiva di pancia, mentre con Bernardo Provenzano c'erano delle affinità". "Riina - ha detto ancora Ciancimino - venne diverse volte a casa mia in via Sciuti a Palermo, almeno tre o quattro volte, ed era accompagnato dal geometra Lipari. Poi lo rividi anche al Castello di Trabia, nei pressi dello Zagarella e a Bagheria. Mio padre lo chiamava 'il torto'".

All'udienza era presente, in videoconferenza dal carcere di Opera a Milano, anche il boss Totò Riina, unico imputato dell'omicidio De Mauro, accusato di essere il mandante.

Intanto, due poliziotte della Scientifica di Roma studieranno a fondo i documenti consegnati nei mesi scorsi da Ciancimino ai magistrati per verificarne l'autenticità. L'incarico peritale è stato conferito ieri, durante l'udienza, a Sara Falconi e Maria Vincenza Cartia. In particolare, il Presidente della Corte d'Assise ha ordinato alle poliziotte "accertamenti di natura merceologica e tecnico-grafica di natura comparativa, le caratteristiche chimico-fisiche e grafiche dei reperti cartacei al fine di stabilirne la datazione dei reperti, dei post it apposti sui documenti e la riconducibilità mediante opportune comparazioni delle annotazioni a penna sui post-it e delle dattiloscritte riferite a Vito Ciancimino".
Tra i documenti da esaminare ci sono anche degli articoli di stampa. In uno dei dattiloscritti, che Massimo Ciancimino attribuisce al padre Vito, si parla dell'omicidio di Mauro De Mauro e dell'omicidio del Procuratore Pietro Scaglione. "Ho detto personalmente al mio amico Scaglione - scrive Ciancimino senior - di stare fuori da quella inchiesta, dei pericoli a cui poteva andare incontro. Gli avevo anche parlato del vero spessore dell'avvocato Guarrasi. 'Lascia perdere non ne vale la pena questa storia è più grande di te e me ma non mi ha voluto ascoltare. Mi ricordo di avere anche incontrato pochi giorni dopo Scaglione e mi era sembrato molto preccupato ma non volle dirmi nulla in proposito".

Prima di Ciancimino ieri a deporre è stato il giornalista palermitano Giancarlo Drago, ultima persona a vedere vivo il collega, che ha ricostruito con molti "non ricordo", gli ultimi istanti di vita di Mauro De Mauro. "La sera del 16 settembre del 1970, tra le 19 e le 19,30, io e Mauro De Mauro andammo via insieme dal giornale L'Ora con la sua auto, una Bmw di colore blu - ha ricordato Drago - come accadeva spesso. Da quel momento in poi non lo vidi più".
Prima di morire De Mauro era stato nominato caposervizio allo Sport, secondo Drago "una specie di punizione perché a lui lo sport non piaceva". Alla domanda del pm se notò se De Mauro quella sera fosse preoccupato, il giornalista ha replicato. "No, assolutamente". Non avrebbe notato neppure se quella sera, uscendo dalla redazione de L'Ora, aveva una busta con sé. "Direi di no, ma non lo escludo perché sono passati quarant'anni. Non ricordo neppure se avesse qualche altro oggetto con sé, come giornali. Non riesco a fare mente locale, anche perché mi sono seduto davanti, quindi non ricordo cosa mise sul sedile di dietro".
Sulla sera del 16 settembre, Drago ha detto ancora: "So che doveva andare direttamente a casa, non parlò di altri impegni". "Il giorno dopo, il 17 settembre, al giornale si ebbe subito la gravità della percezione della cosa?", ha chiesto il pm Sergio de Montis. E il giornalista ha risposto: "No, l'allarme arrivò dopo la telefonata della moglie, era un segnale abbastanza strano. Disse che non era tornato a casa e un incidente non poteva essere stato perché lo avremmo saputo. Ci sembrò strano e ci chiedemmo come mai la moglie avesse aspettato tanto tempo prima di avvertire il giornale".
E' sempre il pm a chiedere se Drago ha saputo chi all'indomani della scomparsa di De Mauro ha aperto i cassetti della scrivania del giornalista. "No, anche perché dopo due giorni sono partito perché si sposava mio fratello a Roma. Noi abbiamo continuato a lavorare perché a mezzogiorno il giornale doveva chiudere. Scendevamo in tipografia e i tempi erano lunghi".
Alla domanda del magistrato se ricorda se il giornalista De Mauro gli avrebbe parlato dell'incarico che gli aveva dato il regista Francesco Rosi per il film che stava realizzando sulla vita di Enrico Mattei, Drago ha replicato: "Me ne parlò", ma non ricorda altro. E non ricorda neppure se ha saputo che De Mauro "stava lavorando a qualcosa di grosso". "Il termine grosso non lo ricordo, ma non lo posso escludere. Mi disse che stava lavorando molto, al suo solito, perché stava seguendo delle cose interessanti".
Al termine della deposizione, il pm De Montis ha chiesto l'acquisizione al processo della tramissione 'Dietro il processo' andata in onda sulla Rai il 12 novembre 1979, nel corso della quale Drago rilasciò un'intervista.

La difesa del boss Totò Riina ha chiesto l'audizione del generale dei Carabinieri Mario Mori, del generale Antonio Subranni e del colonnello Giuseppe De Donno. L'avvocato Luca Cianferoni vuole sentire i tre ufficiali, soprattutto Mori, per sapere quali "erano i rapporti tra Vito e Massimo Ciancimino con l'Arma dei Carabinieri fino a quando Vito Ciancimino era in vita" per verificare "la credibilità di Ciancimino". La difesa di Riina ha chiesto poi la produzione di una cartella clinica del capomafia "da cui si desume che Riina soffre di una forma molto pronunciata di gozzo tiroideo".
La richiesta è stata fatta in seguito alla descrizione fatta ieri pomeriggio da Massimo Ciancimino, nel corso del dibattimenti, del boss mafioso. "Ricordo che è più basso di me e che si presentava a casa dei miei genitori in via Sciuti con un borsello", ha detto Ciancimino junior. Invece il difensore del boss sostiene che gia all'epoca, intorno all'88 Riina avrebbe sofferto di gozzo tiroideo. Cianferoni ha fatto notare alla Corte d'Assise di avere "chiesto per anni l'audizione di Massimo Ciancimino, ma la sua testimonianza non fu ammessa fino ad oggi".

Dopo una breve Camera di consiglio, il Presidente della Corte d'Assise di Palermo Giancarlo Trizzini ha deciso che sarà ascoltata la vedova dell'ex sindaco di Palermo, Epifania Silvia Scardino, come chiesto dal pm Sergio De Montis. L'anziana donna, che è già stata ascoltata dal pm nei giorni scorsi, sarà ascoltata "non solo come teste di riferimento - ha spiegato Trizzino - ma anche come fonte diretta sulle circostanze di cui ha parlato oggi Massimo Ciancimino".
Sarà sentito anche Enrico Servillo, il figlio del fotografo che fece delle foto a Enrico Mattei. Non verrà invece acquisita la cartella clinica di Riina, da cui si evince che soffre di gozzo tiroideo "molto pronunciato", come ha rilevato la difesa del capomafia.
Il Presidente non si è invece espresso, ma lo farà solo in seguito, sull'audizione dei tre ufficiali dei Carabinieri, generale Mario Mori, generale Antonio Subranni e il colonnello Giuseppe De Donno. Epifania Scardino ed Enrico Servillo saranno sentiti alla prossima udienza, fissata per il 3 dicembre alle 9.30 davanti alla Corte d'Assise di Palermo al Palazzo di giustizia. [Adnkronos/Ing]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 novembre 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE