Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Tappa ad Enna per il TIM - Torneo Internazionale di Musica

Ieri al Teatro Garibaldi una delle tante tappe di preselezione del concorso musicale internazionale

04 aprile 2016

Si stanno svolgendo in molte sedi europee le Preselezioni per la 17a edizione del TIM / Torneo Internazionale di Musica, con oltre duemila candidati provenienti da 60 Paesi diversi. Tra queste spicca, ormai per tradizione, anche Enna con l’appuntamento che si è tenuto ieri, domenica 3 Aprile, al Teatro Garibaldi.
Ascoltati da una Giuria composta dal critico Rai Luigi Fait - direttore artistico del medesimo Concorso; Giovanna Fussone - direttore artistico Mousikè di Enna; Francesco Mangiagli - docente del Liceo Musicale di Catania; Emanuele Primavera - musicista jazz; e Rosario Randazzo del Conservatorio di Palermo, sul palco si sono susseguiti il Glorius Quartet di Messina, l’Ensemble Tactus di Catania, l’Aeolian Vocal Ensemble di Palermo; il Quartetto di flauti Corax di Navarra (Spagna), il Duo Clarigotto (clarinetto e fagotto), di Palermo, la cantautrice sarda Annamaria Sotgiu, il pianista Andrea Troina di Catania, il mandolinista Mauro Schembri di Palermo, e infine, per la sez. flauto, Irene Isabel Ruiz Larios, Natalia Sánchez Abad e María Santoro.

Oltre ad Enna, le città del TIM 2016 sono Madrid in Spagna; Parigi, Bordeaux e Le Cap Ferret in Francia; Londra in Inghilterra; Tamines in Belgio; Mannheim, Münster e Berlino in Germania; Torino, Milano, Verona, Castelfranco Veneto, Firenze, Roma e Mola di Bari in Italia.
Le fasi conclusive di questa edizione sono invece totalmente programmate presso lo storico Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino dal 24 luglio al 7 agosto grazie alla generosa disponibilità del direttore Marco Zuccarini.
"Occorre sottolineare - dice Luigi Fait - che alla nostra competizione, riservata non solo a tutte le discipline classiche, ma pure al jazz e al pop, non esistono i limiti d’età, tant’è che il più giovane concorrente è l’undicenne romano Matteo Pomposelli e il più anziano l’85enne compositore francese Pierre Uga. Ed è infine una peculiarità del TIM la libera scelta del proprio programma. Così, l’autore più eseguito è Astor Piazzolla, mentre i meno frequenti risultano stranamente i padreterni Bach, Mozart e Beethoven".

Il lusinghiero esito del TIM, presieduto a livello internazionale dal compositore belga Max Vandermaesbrugge (una quarantina d’anni fa allievo prediletto di Virgilio Mortari alla Chigiana di Siena) e dal francese Christian Manen (Grand Prix de Rome 1961), si deve sicuramente anche ai mitici personaggi del Comitato fondatore, tra cui spiccano Vladimir Ashkenazy, Cecilia Gasdia, Roman Vlad nonché i compianti Severino Gazzelloni, Carlo Maria Giulini, Gerry Mulligan, Joan Sutherland e Goffredo Petrassi.

"La sede di Enna - secondo Luigi Fait - è fra le sedi storiche della nostra competizione itinerante, ed è sede esclusiva per il sud Italia da oltre un ventennio, le prime edizioni era un centro privilegiato del TIM, vantando infatti quale invidiabile Presidente della Giuria (fino alla sua scomparsa nel 2000) il grande Eliodoro Sollima. Per le audizioni del Torneo, questo mitico compositore, pianista e direttore del Conservatorio di Palermo, padre altresì dell'attuale star Giovanni Sollima, una sera di gelido inverno raggiunse il Teatro Garibaldi sotto una bufera di neve, a piedi, dalla stazione ferroviaria fino al centro della città: una scarpinata a dir poco eroica d'un paio di ore, che meriterebbe una lapide alla memoria. Qui sono stati ascoltati per la prima volta vari musicisti presto affermatisi in campo internazionale. Non si può non menzionare il pianista-compositore Orazio Sciortino, allora appena undicenne e oggi attivo e richiesto in ogni parte del mondo, dalla Scala di Milano all'Ottawa Chamber Music Festival".

"Il duo Catanese-Vasapolli, la Corale Jonia, i SeiOttavi e non si può infine dimenticare - racconta Fait - il fantastico Biogroove Duo con i percussionisti Vito Amato e Antonino Errera (1° Premio TIM in Musica da camera 2012), che al concerto degli idonei alle preselezioni del 2011 aveva mandato in estasi il pubblico del 'Garibaldi' producendosi sì sui propri classici strumenti, ma congedandosi con un bis incredibile: suonarono infatti il pavimento del palcoscenico. Del resto, anche alla Finale del Torneo a Parigi, nonostante le giustificate preoccupazioni del direttore dell'Auditorium 'Berlioz', i due artisti si esibirono in uno stranissimo brano, esclusivamente per acqua. Così, i due maestri andarono a picchiare (doverosamente amplificate) non so quante fontane, docce, bacinelle, piscinette, cascate".

La scorsa edizione Enna ha selezionato la talentuosa cantautrice Eleonora Cassaro, di Villarosa, che nel percorso ha guadagnato i quarti di finale e successivamente anche il secondo posto nella finale tenutasi il 21 giugno 2014 a Parigi, presso il Conservatoire de Musique de Courbevoie, esperienza che l'ha messa a confronto con tantissimi musicisti provenienti da tutto il mondo.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 aprile 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia