Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Tartassati d'Italia preparatevi alla ''sanguinosa'' stagione dei sacrifici. Arriva il rincaro d'ottobre

Premettendo che la colpa è del ''caro petrolio''...

04 ottobre 2005

Se l'ultimo trimestre del 2005 porterà agli italiani un aumento delle tariffe elettriche (+4,4%), del gas (+3,8%) e della benzina (+9,4%), la colpa è del ''caro petrolio''.
Lo ha anticipato nelle scorse settimane l'Authority per l'Energia: ''I forti e persistenti aumenti dei prezzi internazionali del petrolio degli scorsi mesi che trascinano i costi di produzione dell'elettricità e quelli della materia prima gas, hanno determinato un aumento delle relative componenti tariffarie'', lo conferma oggi una stima del governo indicata nella Relazione Previsionale e Programmatica legata alla Finanziaria.

La relazione, che prevede ''un ulteriore rialzo delle tariffe del gas metano per il mese di ottobre'', spiega anche che le tariffe per i trasporti in tutto il 2005 saliranno del 12%, sempre per colpa del caro petrolio. ''In particolare, nel settore aereo - è scritto - l'aumento della sovrattassa carburante dovrebbe condurre in media nel 2005 ad un rialzo dei prezzi dei voli aerei nazionali del 20% circa''.
Tali rincari peseranno anche sull'inflazione media. Nella relazione, infatti, si fa il punto sull'andamento dell'inflazione, dove è spiegato che nei primi otto mesi del 2005, si è ridotto il gap rispetto agli altri paesi europei, e il differenziale dell'Italia ''si è annullato'' rispetto ai 0,2 punti di divario del 2004. Il capitolo della ''politica tariffaria'' mostra comunque che per il 2005 il governo stima una crescita media dell' ''aggregato controllati'' del 2,7%, contro una crescita dell'inflazione prevista al 2,2%.

A calare, del -1,8%, saranno solo le tariffe telefoniche, mentre l'aumento per il settore domestico è del 4,4% al lordo delle imposte e del 4,7% al netto delle imposte. Per la famiglia residente con una potenza impegnata di 3 kW e consumi di 225 kWh mensili, che rappresenta la grande maggioranza dell'utenza domestica, la tariffa elettrica del prossimo trimestre è pari a 11,35 centesimi di euro per kWh al netto delle imposte, per una maggiore spesa, comprese le imposte, di circa 15 euro all'anno. L'aumento in media nazionale al netto delle imposte è pari al 5,3%.
Per il gas, la variazione nel periodo dicembre 2004-agosto 2005 rispetto ai nove mesi precedenti della media delle quotazioni dei greggi e dei prodotti petroliferi, - cui è indicizzato il valore della materia prima, spiega l'Autorità -, ha determinato un aumento pari al 3,8% in media nazionale comprese le imposte e del 5,6% al netto delle imposte. L'aumento per il prossimo trimestre è pari a 2,35 centesimi di euro per metro cubo: per la famiglia con consumi medi (1.400 metri cubi all'anno, 116 al mese) l'aumento comporta una maggiore spesa di circa 33 euro all'anno.

I più tartassati dagli aumenti restano naturalmente i carburanti. Il gasolio per le auto è cresciuto del 19,9% negli ultimi otto mesi, la benzina verde del +9,4%). Più contenuto è il rincaro del Gpl in bombole (+3,7%) e auto (+3,4%).
Leggermente sopra l'inflazione, ma lontana dei rincari a due cifre del 2001-2002, sono invece le polizze assicurative Rc auto, aumentate del 2,3% tra gennaio e agosto.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 ottobre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia