Tra ''Sicurezza'' e ''Turismo'' alla Regione Siciliana arriveranno fondi europei per svariati milioni di Euro

20 dicembre 2007

SICUREZZA - Nei prossimi sette anni il “PON Sicurezza”, il programma che destina fondi europei per la sicurezza delle regioni del Mezzogiorno, avrà a disposizione circa 1 miliardo e 158 milioni di Euro per attuare azioni di prevenzione e di contrasto alla criminalità e contribuire così a migliorare le condizioni economiche e sociali di Sicilia, Campania, Puglia e Calabria.
Per analizzare i nuovi orientamenti strategici e gli obiettivi del progetto “Sicurezza per lo Sviluppo - Obiettivo Convergenza 2007-2013”, il programma interforze realizzato dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno, con il cofinanziamento dell'Unione Europea, si è riunito l'altro ieri a Roma, presso la Scuola Superiore della Polizia di Stato, il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Nazionale. Si è trattato della prima riunione del Comitato dopo l'avvio del nuovo periodo di programmazione europea, che ha il compito di presentare e di condividere le nuove strategie di attuazione del programma operativo.

“Occorre abbandonare - ha sottolineato nel corso della riunione il prefetto Luigi De Sena, Vice Capo della Polizia ed Autorità di Gestione del PON Sicurezza - una visione della sicurezza pubblica che si attua in segmenti operativi chiusi e compartimentali, privilegiando, viceversa, un approccio, più aperto, globale, condiviso, fatto di collaborazione a vasto raggio e di legalità a tutto campo”. “Per questo - ha proseguito - è importante promuovere azioni di governo che mettano a confronto istituzioni pubbliche e cittadinanza in un quadro di intervento che, mantenendo una forte connotazione territoriale, e recependo i nuovi principi costituzionali della sussidiarietà, costruiscano un nuovo modello di amministrazione, che tenga non più solo conto delle autonomie locali, ma anche di quelle funzionali e sociali, consacrando una innovativa formula dei pubblici poteri, ricca di nuove potenzialità”.
La riunione, come ha informato il Dipartimento di pubblica sicurezza, ha registrato una vasta partecipazione di rappresentanti delle Amministrazioni Pubbliche, degli Enti Locali e dei partenariati economici e sociali coinvolti a vario titolo nel Programma.

TURISMO - Sono in arrivo ottanta milioni di euro per la costruzione di 163 nuove strutture turistico-alberghiere in Sicilia. Si tratta di alberghi a 4 e 5 stelle, parchi divertimento, charter nautici, case vacanze, ristoranti, bar, sale congressi, stabilimenti balneari, agriturismo. I contributi assegnati dall'assessorato regionale Turismo riguardano imprese delle nove province dell'Isola. Gli stanziamenti fanno parte dei primi tre bandi di selezione di progetti coofinanziati dei fondi comunitari assegnati al Por Sicilia 2000/06 nella misura 4.19. I lavori dovranno concludersi entro il mese di giugno 2008.
“A luglio 2007 avevo disposto lo scorrimento delle graduatorie - ha detto l'assessore Dore Misuraca -, l'iter amministrativo è stato più lungo del previsto”.

In particolare, nella provincia di Agrigento sono stati finanziati, per un totale di circa sette milione e mezzo di euro, alberghi a 4 e 5 stelle, charter nautici, attività di noleggio di unità da diporto, ristoranti, bar, pizzerie, birrerie, stabilimenti balneari, agriturismo, sale congressi, un parco divertimenti, case e appartamenti per vacanze.
Oltre 14 milioni di euro arriveranno nella provincia di Trapani, con cinque attività di nautica da diporto finanziate. Nella provincia di Siracusa sono stati assegnati quasi sedici milioni e mezzo di fondi. Quasi dodici milioni di euro arriveranno nel Catanese, dove saranno costruiti o ampliati alberghi a 3 e 4 stelle. Oltre undici milioni di euro consentiranno, nella provincia di Messina, la realizzazione di alberghi, impianti sportivi, case per vacanze, noleggio imbarcazioni, ristoranti, agriturismo, bar e caffè con trattenimento e spettacolo con riferimento alle tradizioni folkloristiche culturali. Un milione e mezzo di euro sono stati assegnati nella provincia di Caltanissetta, dove saranno realizzati parchi divertimento. Otto milioni e trecentomila euro sono stati assegnati nel Palermitano. Nelle provincia di Ragusa, assegnati oltre cinque milioni di fondi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 dicembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia