Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Tragedia sfiorata a Canicattì: treno travolge autobus

Sei persone rimaste ferite (di cui quattro lievemente contuse) nello scontro tra un treno regionale e un autobus

04 dicembre 2010

Sei persone sono rimaste ferite (di cui quattro lievemente contuse) nello scontro tra un treno regionale e un autobus avvenuto ieri pomeriggio all'altezza di un passaggio a livello nei pressi di Canicattì, nell' Agrigentino.
Il pullman, della ditta Riggio Tour di San Cataldo, che è rimasto completamente distrutto, aveva appena accompagnato a casa gli alunni della scuola materna di Canicattì che avevano partecipato a una gita. Il mezzo stava poi tornando nel deposito quando si è bloccato sui binari. Dalle prime ricostruzioni effettuate dai tecnici delle Ferrovie dello Stato il passaggio a livello era regolarmente funzionante e con le sbarre abbassate al momento dell' impatto. "Dalle prime ricostruzioni - hanno detto - il passaggio a livello era regolarmente funzionante e con le sbarre abbassate al momento dell'impatto". Alla vista del bus il macchinista ha subito azionato il freno di emergenza ma non ha potuto evitare l'impatto che è stato violentissimo.

L'autista del bus, Nunzio Felici, 38 anni di Butera, ha raccontato che non c'era alcun segnale di stop e che le sbarre si sono abbassate mentre stava passando, intrappolandolo. Il conducente è riuscito ad abbandonare il pullman prima dell' impatto. E' però stato accompagnato al pronto soccorso in stato di choc. Nell'incidente sono rimasti leggermente contusi quattro passeggeri del treno e il macchinista, Giovanni Pontelli, 52 anni, di Campobello di Licata con ematomi su tutto il corpo. Ferito più gravemente il capo treno Mario Salvaggio, 59 anni, originario di Realmonte ma residente a Licata. Le condizioni di quest'ultimo, ricoverato nell'ospedale Barone Lombardo di Canicattì con numerose fratture. Ma secondo i sanitari, che pure si sono riservati la prognosi, non sarebbe in pericolo di vita.
Sul convoglio, formato da un locomotore e da una carrozza del treno regionale Ragusa-Caltanissetta, viaggiavano in tutto sei passeggeri, alcuni dei quali studenti pendolari che stavano tornando a casa al termine delle lezioni. Intanto si sta cercando di accertare la dinamica e le responsabilità dello scontro, avvenuto in contrada Carlino, alla periferia di Canicattì.
La circolazione ferroviaria sulla tratta Gela-Caltanissetta è ripresa stamane all'alba. Solo poco prima delle due della notte i vigili del fuoco sono riusciti a rimuovere dai binari il pullman. Nonostante la gru fatta giungere dal capoluogo, i pompieri hanno infatti dovuto lavorare per circa sei ore prima di riuscire a liberare la linea ferrata. L'automotrice invece è stata posta sotto sequestro e trasportata alla stazione ferroviaria di Canicattì. Qui in mattinata arriveranno da Palermo i funzionari delle Ferroviere per prelevare la "scatola nera" del treno. Sempre in mattinata, su delega della Procura della Repubblica di Agrigento, la polizia ferroviaria risentirà i passeggeri, i conducenti del treno e quello del pullman coinvolti nell'incidente. Due le indagini aperte: una della procura e una interna delle ferrovie. [Foto dal Web]

[Informazioni tratte da Ansa, Adnkronos/Ing, SiciliaInformazioni.com, Lasiciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 dicembre 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE