Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Tragica tempesta

Nuova tragedia dell'immigrazione. Nove clandestini morti risputati dal mare sulla costa ragusana

18 novembre 2005

Un'ondata di freddo polare è scesa fino in Italia portando l'inverno vero. Freddo e bufere hanno colpito il Nord, il Centro e il Sud del Paese.
Dopo il maltempo dei giorni scorsi nel Centro-Italia, sarebbe toccato al Sud e la Protezione Civile, senza allarmismi, l'aveva preannunciato.
E puntuale ieri, il maltempo, carico di grosse nubi piene di freddo, è arrivato fino nella parte più bassa della Sicilia, abbattendosi sulle province di Agrigento e Ragusa.
Bufere violente che hanno sdradicato alberi e cartelloni pubblicitari, che hanno causato allagamenti e disagi.
Nel ragusano si sono registrate violente raffiche di vento, accompagnate da rovesci di pioggia e grandine che hanno causato gravi danni alle coltivazioni. Nessun danno alle persone... 

Bufere violente ma brevi. Poi, pur con le temperature più basse, è tornato il sereno. Un cielo limpido, dal colore netto, è ritornato a splendere facendo luce su di una tragedia consumatasi in mare nelle ore del nubifragio.
Dopo che il mare ha calmato la sua brutale rabbia, nove persone morte sono state trovate sulla costa ragusana. I corpi di cinque uomini e due donne erano sulla spiaggia, altri due cadaveri sono stati trovati in mare più tardi dalla Guardia costiera.
Immigrati clandestini che facevano parte di un gruppo di oltre cento persone arrivate stremate sulle coste siciliane, dopo aver affrontato una navigazione con mare forza 6 e un vento a 35 nodi.

La barca in legno di 16 metri, con circa 200 immigrati a bordo, era stata segnalata ieri sera dalle autorità maltesi a 32 miglia dalle coste siciliane, ma avevano però voluto proseguire la rotta verso le coste siciliane, rifiutando i soccorsi.
Lo sbarco è avvenuto stamani sulla spiaggia di Sampieri, lungo il litorale ragusano. Il barcone in legno si è arenato a pochi metri dalla riva.
Fino a questo momento sono stati intercettati a terra dalle forze dell'ordine 106 clandestini, tra cui alcune donne; per sei di loro si è reso necessario il ricovero in ospedale. I sopravvissuti hanno raccontato di aver affrontato la traversata nel mare in tempesta e hanno aggiunto che vi sarebbero altre vittime. Il loro numero non è stato precisato.
Gli uomini della Guardia Costiera, che hanno assistito i sopravvissuti, non escludono che altre persone possano essere morte durante la traversata.

Nella zona della sciagura sono in corso ricerche, sia a terra sia in mare, con le motovedette e un rimorchiatore. In mattinata dovrebbe alzarsi in volo anche un aereo della Guardia Costiera di stanza a Catania.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 novembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia