Trattativa tra mafia e Stato: interrogato ex magistrato Amato

Nuovo interrogatorio, a distanza di poco meno di 2 mesi, per l'ex direttore del Dap negli anni delle stragi di mafia

25 gennaio 2011

E' tornato davanti ai pm della Dda di Palermo che indagano sulla trattativa tra Stato e Cosa nostra Nicolò Amato, ex magistrato ed ex capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria negli anni delle stragi di mafia. I magistrati l'hanno interrogato nei locali della Dia di Roma. La scorsa settimana era stato sentito anche dalla commissione Antimafia.
I pm Nino Di Matteo e Paolo Guido, che avevano sentito Amato a novembre, l'hanno riconvocato dopo avere acquisito una serie di documenti nella sede del Dap e dopo avere interrogato diversi funzionari dell'amministrazione penitenziaria. Al centro dell'interrogatorio, ancora una volta, le vicende relative al carcere duro negli anni successivi agli eccidi mafiosi. L'ex capo del Dap allora fu autore di un documento in cui si suggeriva all'ex guardasigilli Giovanni Conso la revoca del 41 bis. Amato ha confermato le pressioni esercitate dal Viminale per la revoca dei decreti che imponevano il 41 bis relativamente agli istituti di pena di Secondigliano e Poggioreale e le riserve espresse, il 12 febbraio del 1993, dall'allora capo della polizia Vincenzo Parisi sull'eccessiva durezza delle misure carcerarie restrittive introdotte d'urgenza tra le stragi di Capaci e via D'Amelio e trasformate in legge dopo l'assassinio del giudice Borsellino. Un contesto istituzionale che rafforzò un convincimento personale di Amato, che riteneva il carcere duro uno strumento eccezionale, quindi necessariamente limitato nel tempo. Nel 1993 Conso revocò e non prorogò il 41 bis a oltre trecento detenuti.
Nell'interrogatorio di novembre, Amato aveva escluso nel modo più fermo l'esistenza di una 'trattativa' tra lo Stato e Cosa nostra. Secondo quanto raccontato da Massimo Ciancimino, che ha consegnato una copia del 'papello' ai magistrati, cioè la lista con le richieste del boss Totò Riina allo Stato in cambio di uno stop della strategia stragista, la revoca del 41 bis sarebbe stato proprio uno dei punti inseriti nel 'papello'. I pm stanno cercando di accertare se proprio il carcere duro fu la "merce di scambio" messa sul piatto dallo Stato per far cessare la stagione stragista.
Comunque, secondo quanto appreso dall'Adnkronos Amato non sarebbe riuscito a fornire ai magistrati che lo hanno interrogato i chiarimenti richiesti. Sempre oggi i magistrati di Palermo hanno ascoltato anche alcuni ex funzionari del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria negli anni delle stragi del '92-'93. [Informazioni tratte da Adnkronos/Ing, Ansa]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 gennaio 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia