Trivelle selvagge!

Legambiente: "Le attività di ricerca degli idrocarburi in mare rischiano di provocare un disastro nel Mediterraneo"

28 giugno 2010

Nuove trivellazioni nel mare italiano: è la minaccia sottolineata da Legambiente nel rapporto "Mare Nostrum 2010", presentato sabato a Venezia.
"La preoccupazione è tanta e rimanda alla tragedia che si sta consumando negli ultimi due mesi nel Golfo del Messico con l'incidente occorso alla piattaforma petrolifera della British petroleum", affermano i responsabili dell'associazione ambientalista.
Secondo quanto reso noto da Legambiente, "molte società energetiche hanno avanzato richieste di ricerca e in alcuni casi ottenuto permessi, in un'estensione di circa 39mila kmq dislocati in 76 aree, per la gran parte di elevato pregio ambientale e considerate zone sensibili proprio per i loro ecosistemi fragili e preziosi da tutelare".
Le attività di ricerca in mare di idrocarburi sono concentrate nel mar Adriatico, Ionio e nell'area antistante la Sicilia meridionale e occidentale: si tratta di 24 permessi di ricerca rilasciati per una superficie complessiva di circa 11mila kmq. I luoghi più interessati dalle attività di ricerca di petrolio sono la costa tra le Marche e l'Abruzzo dove insistono tre permessi di ricerca, il tratto di costa pugliese soprattutto tra Bari e Brindisi con due, il golfo di Taranto ed il Canale di Sicilia con dodici.
L'ultimo permesso in ordine cronologico è stato rilasciato pochi giorni fa alla Shell Italia per avviare le prospezioni in un'area di mare di 1.356 kmq di fronte al golfo di Taranto, "ma la multinazionale energetica - afferma Legambiente - sta già pensando a nuove ricerche nel Canale di Sicilia a caccia di uno dei più grandi giacimenti d'Europa".
I tratti di mare che rischiano l'arrivo di "trivella selvaggia" e piattaforme, conclude il dossier, nei prossimi anni potrebbero essere molti di più: dal 2008 ad oggi sono state presentate altre 41 domande per 23.408 Kmq. [La Siciliaweb.it]

- Mare Monstrum 2010 (pdf)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 giugno 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia