Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Tu scendi dalle stelle... Per tutto il periodo natalizio sopra le nostre teste viaggerà la cometa Machholz

Da metà dicembre e per tutto il mese di gennaio la cometa sarà visibile anche a occhio nudo

21 dicembre 2004

Questo Natale 2004, sarà un Natale in piena regola e con tanto di cometa.
E' infatti previsto proprio nel periodo fra Natale e l'inizio di gennaio il passaggio della cometa Machholz.
La cometa si sta avvicinando alla Terra e la sua coda, probabilmente meno spettacolare rispetto alla Hale-Bopp o alla Hyakutake, potrà essere osservata anche soltanto con un binocolo o con un telescopio amatoriale.
Attualmente la cometa si trova nella costellazione Caelum e si sta spostando rapidamente verso Nord-Ovest.

Il nome completo è C/2004 Q2 (Machholz) ed è stata scoperta il 27 agosto 2004 dall'astrofilo californiano Donald E. Machholz, appunto, veterano cacciatore di comete (questa è la sua decima cometa).
''Se le previsioni saranno confermate, la Machholz sarà una cometa interessante non solo per gli esperti - spiega Elena Mazzotta Epifani dell'INAF - Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli - ma anche per quanti amano semplicemente osservare il cielo. A meno di sorprese, dalla seconda metà di dicembre alla fine di gennaio la sua luminosità dovrebbe aumentare rendendola visibile anche a occhio nudo. La cometa - prosegue la ricercatrice - dovrebbe essere facilmente individuabile nei giorni 6, 7 e 8 gennaio, quando per una questione di prospettiva la vedremo in prossimità delle Pleiadi, un ammasso di stelle nella costellazione del Toro, ben visibile a occhio nudo. L'individuazione della cometa in questi stessi giorni sarà favorita anche dall'assenza della Luna, la cui luminosità ostacola l'osservazione del cielo''.

Da dicembre a gennaio Machholz transiterà tra le costellazioni Eridano e Toro, per poi dirigersi verso Perseo. ''Il 6 gennaio la cometa si troverà alla minima distanza dalla Terra, 52 milioni di chilometri circa, e il 25 Gennaio raggiungerà la minima distanza dal Sole, circa 180 milioni di chilometri. In questa occasione, particolarmente fortunata dal punto di vista osservativo - conclude Mazzotta Epifani - si spera di poter realizzare immagini della chioma e della coda con una buona risoluzione spaziale. Dopo questa data l'astro inizierà il suo lungo viaggio verso gli estremi confini del Sistema Solare, sparendo gradualmente e per sempre dalla nostra vista''... e da quella dei Re Magi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 dicembre 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE