Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Tutti a sparare caz...te e poi a rimangiarsele. Il teatrino della politica italiana ha proprio stancato

08 aprile 2008

Verrebbe da dire che siamo alle solite e che si farebbe veramente a meno di parlarne solo per non rigirare il coltello nella piaga o per non... rinnovare il dolore. Ma tant'è...
L'altro ieri il leader del Carroccio Umberto Bossi, alla fine del comizio a Verbania, sul Lago Maggiore, ha chiuso il suo intervento con una delle minacce da lui più frequentate: visto che quella delle schede elettorali è "una vera porcata", "se necessario imbracceremo i fucili contro la canaglia centralista romana" che avrebbe pensato anche "all'estremo inghippo delle schede, confuse, che inducono in errore l'elettore". Il senatùr ha invitato i giovani padani "a fare molta attenzione" e a non sbagliarsi al momento del voto "ma noi, comunque - ha rassicurato - terremo le cose sotto controllo".

Insomma, il solito Bossi e le solite squallide uscite firmate Lega Nord. Come sono state solite e rimasticate tutte le manifestazioni di indignazione degli altri attori politici, nonché il tentativo di calmare le acque da parte di Berlusconi: "Dalla Lega non avremo nessun problema. Non si è mai verificato nei cinque anni del nostro governo che ci fosse un solo punto in cui la Lega ha contrastato l'esecutivo. I contrasti sono venuti dall'Udc (colpevole per il leader del Pdl di aver fatto perdere le elezioni del 2006, ndr). I fucili? Una boutade - ha poi minimizzato il Cavaliere -. Si esprime per slogan, parla tante volte di fucili ma i fucili non ci sono. Quando dice così, significa che farà una forte battaglia sulle schede".
E a chi chiede a Silvio Berlusconi se dunque è possibile che Bossi, in un nuovo governo guidato dal Pdl, possa diventare ministro delle riforme, lui risponde: "A me non ha chiesto niente nessuno, e poi le sue condizioni di salute sono quelle che sono...".
Frittata fatta! A Bossi i dubbi di Berlusconi sulla sua salute non sono andati giù: "Io sto benissimo, e fare il ministro è il mio ultimo pensiero, non lo bramo. Se me lo chiedono lo faccio".
E come finale, la smentita-rettifica-denuncia della stampa di sinistra: "Su Bossi non ho detto niente, ho solo detto 'sta come gli pare'. Come al solito i giornali di sinistra hanno tentato di strumentalizzare le mie parole".

Infine, al solito teatrino della politica nazionale fatta di fucili, volgarità e smentite, si è aggiunto il... colpo di teatro di Raffaele Lombardo, leader del Movimento per l'autonomia e candidato del centrodestra a governatore della Sicilia: "Purtroppo i fucili dei siciliani sono stati caricati per troppo tempo a salve. Quando potremo armarli come si deve, vedremo se e contro usarli".
Ad attaccare la dichiarazione di Lombardo la sua competitrice diretta, Anna Finocchiaro: "Metafora infelice, corregga la caduta di stile". E Lombardo ha aggiunto: "Oggi i siciliani non hanno più bisogno di armi perché per difendere la nostra terra c'è l'autonomia, ben più efficace della polvere da sparo".

Quanta stanchezza verso tutto questo... quanta stanchezza...

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 aprile 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE