Un'altra lite tra ginecologi a Messina!

Ancora una lite in sala parto, questa volta all'ospedale Papardo: il neonato è in coma

20 settembre 2010

Sembra incredibile, uno scherzo di cattivissimo gusto e invece, purtroppo, a poco meno di un mese dall'episodio al policlinico di Messina (LEGGI), un'altra lite tra medici avrebbe procurato lesioni a un neonato. Il fatto sarebbe avvenuto all'ospedale 'Papardo' dove secondo i genitori del nascituro il diverbio sarebbe sorto per decidere se procedere con un taglio cesareo o con un parto naturale.

Il bimbo è intubato e tenuto in coma farmacologico. Stando alle prime ipotesi, al momento della nascita non sarebbe arrivato per qualche secondo l'ossigeno al cervello e questo avrebbe creato lesioni cerebrali. Il piccolo potrebbe aver riportato delle lesioni neurologiche che gli provocherebbero problemi al movimento degli arti. Subito dopo il parto i familiari della donna si sono scagliati contro il primario.
A presentare la denuncia sono stati i genitori del neonato in coma, la 24enne Ivana Rigano e il marito 34enne Nicola Mangraviti. La Procura della città siciliana ha aperto un'inchiesta contro ignoti: a coordinarla il pm della Procura di Messina Anna Maria Arena. I carabinieri, nei giorni scorsi, hanno sequestrato le cartelle cliniche nel reparto di Ostetricia e Ginecologia del 'Papardo'.

Nella denuncia la puerpera e il marito spiegano che il bambino ha sofferto per una mancata ossigenazione al cervello perché nato con ritardo dopo ore di travaglio. I medici, secondo i genitori, avrebbero litigato su come procedere, se col cesareo o con il parto naturale. Il ginecologo Rosario Pino sarebbe stato favorevole al cesareo, ma quando tutto sembrava pronto sarebbe intervenuto il primario Francesco Abate e il suo aiuto Saverio Esposito, che hanno ordinato che si procedesse con parto naturale. Il bimbo è nato dopo quattro ore dal travaglio, e il padre, che dice di aver subito capito che il figlio aveva problemi, ha aggredito il primario.
Il neonato è stato trasferito al Policlinico universitario, dove si trova tuttora ricoverato nel reparto di Terapia intensiva neonatale in coma farmacologico. "Il bambino ha avuto una sofferenza post-ischemica. Abbiamo proceduto con la ventilazione e l'abbiamo sedato e intubato ed è in coma farmacologico". A dirlo è il professor Ignazio Barberi, direttore dell'unità operativa di Terapia intensiva neonatale del Policlinico di Messina, a proposito del neonato trasferito dal Papardo. "Il bambino - spiega Barberi - ha sofferto perché gli è mancato l'ossigeno ed è andato in asfissia. Al momento le condizioni sono serie ma in netto miglioramento".

[Informazioni tratte da Adnkronos/Ing, Ansa, La Siciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 settembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia