Un'altra ''morte bianca'' si è aggiunta al lunghissimo, triste elenco dei morti sul lavoro in Sicilia

07 luglio 2007

Ieri la quotidiana guerra del lavoro ha avuto la sua ennesima vittima. A morire questa volta è stato Salvatore Urdì, 45 anni, di Catania.
Urdì, operaio dei cantieri navali Palumbo che gestisce l'ex area della stazione di degassifica della Smeb, è morto nella zona Falcata di Messina: è precipitato dall'impalcatura su cui lavorava facendo un volo di circa 50 metri nel bacino di carenaggio. Urdì stava effettuando riparazioni sulla nave Mega Express, della Corsica Ferries. Secondo i primi accertamenti non avrebbe avuto alcuna protezione.
I suoi colleghi hanno tentato di soccorrerlo e hanno chiamato l'ambulanza ma l'uomo è morto sul colpo. Al loro arrivo, infatti, i medici del 118 hanno potuto solo constatarne il decesso.
Urdì lavorava per una delle venti ditte subappaltatrici della Palumbo, la Delta Impianti. I cantieri navali Palumbo operano nel settore della cantieristica dal 1967 con una sede a Messina e una Napoli. Gli inquirenti hanno aperto un indagine sul tragico accaduto affidata al magistrato Mariangela Nastasi.

Quello di ieri è l'ottavo incidente sul lavoro dall'inizio dell'anno a Messina.
''A Messina - dice Matteo Cucinotta, responsabile del dipartimento Salute e sicurezza della Cgil di Messina - per gli infortuni sul lavoro è ormai emergenza conclamata. Per uscire da questa situazione occorre un intervento straordinario da parte di tutti i soggetti competenti. Lo scorso 26 aprile per individuare soluzioni e interventi, Cgil Cisl e Uil hanno chiesto un incontro al prefetto il quale fino a questo momento non ha ritenuto di dare corso alla richiesta''. ''Manca il rispetto delle norme sulla sicurezza - continua - oltre al problema costi/risparmi legato al sistema dei sub appalti, alla precarietà e alle irregolarità nel mondo del lavoro. Ci sono anche carenze di organico dell'ispettorato del lavoro che non può effettuare i controlli necessari''.
Il segretario nazionale della Fiom Cgil, Giorgio Cremaschi, ha detto: ''Faremo tutto il possibile affinché i responsabi siano colpiti anche costituendoci parte civile, e affinché le pubbliche autorità facciano il loro dovere a tutela della salute dei lavoratori, cosa che oggi non avviene''. ''Si tratta dell'ennesimo omicidio bianco - ha sottolineato Cremaschi - che reclama giustizia. Ancora una volta infatti vengono colpiti lavoratori non messi in condizione di operare con le dovute norme di sicurezza''.

Rabbia e rammarico per l'assessore regionale al Lavoro, Santi Formica. ''Sono molto addolorato come uomo e come esponente delle istituzioni, per la morte di Salvatore Urdì. Sono vicino ai familiari dell'ennesima vittima del lavoro''. L'assessore ha affermato che ''la Regione intensificherà i controlli, come già avviene da tempo, perché la sicurezza sul lavoro è un connotato fondamentale di un paese civile. Sono in corso una serie di ispezioni per raggiungere l'obiettivo di una più estesa rete di sicurezza sociale, a garanzia del lavoro, dell'emersione dello stesso e della salute dei lavoratori''.

E dalla parte opposta della Sicilia arriva un altro allarme: più del 50% dei cantieri e aziende di Palermo è irregolare. Il dato è emerso nel convegno su ''I diritti e le tutele per la sicurezza e contro il lavoro nero'' organizzato dalla Fillea-Cgil, che si è svolto ieri a palazzo delle Aquile. A illustrare i risultati delle indagini dell'ispettorato del Lavoro, da gennaio a giugno, è stato il responsabile dei servizi ispettivi della Regione siciliana, Vito Di Bella.
A Palermo nei primi sei mesi dell'anno sono stati controllati 102 cantieri e 148 ditte. Sono stati 83 i cantieri e le aziende risultati irregolari, pari al 55,41 per cento. ''In oltre la metà delle aziende controllate è stata riscontrata la presenza di lavoro nero o altre irregolarità in materia di lavoro - ha detto Di Bella -. Il dato di Palermo è il più grave''.
In Sicilia tra 1.407 cantieri ispezionati e 1.825 aziende i luoghi di lavoro irregolari sono risultati 854, pari al 48,44%. Sempre in provincia di Palermo il dato relativo al lavoro nero in edilizia è stato del 24,55%. A Palermo per le irregolarità riscontrate sono state erogate 44 maxi sanzioni di 5 mila euro. In totale l'importo delle sanzioni erogate è stato di 528 mila euro a Palermo e 3 milioni di euro in Sicilia.

''I morti sul lavoro ogni anno - ha detto Maurizio Calà, segretario Cgil di Palermo - sono un bollettino di guerra. In Sicilia oggi è morto un giovane operaio metalmeccanico cadendo da un'impalcatura in un cantiere navale di Messina. L'appello lanciato alcuni mesi fa dal capo dello Stato è rimasto inascoltato''. ''Soprattutto nei cantieri privati del centro storico - ha detto Franco Tarantino, il segretario della Fillea-Cgil - si raggiungono punte altissime di lavoro irregolare e di sfruttamento: il 70% dei lavoratori che ristruttura i palazzi antichi è in nero. Un edile guadagna 35 euro giornaliere per le 48 ore a settimana che fa. E lavoratori professionalizzati come i restauratori oggi prendono 600 euro mensili per 180 ore di lavoro al mese, cioè tre-quattro euro all'ora. E come si spiega il calo negli appalti e l'aumento di ore lavorate del 10% se non con il ricorso al lavoro nero?''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 luglio 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia